“Compostiamoci bene”

“Nuova Messapia” e “La Fabbrica dei Gesti” per l'iniziativa di sensibilizzazione teatrale sul compostaggio domestico. In piazza Sant'Oronzo, dalle 9, a Lecce

L'associazione “Nuova Messapia” continua la sua campagna di sensibilizzazione inaugurata a maggio con l'iniziativa “Compostiamoci Bene” tenutasi a Zollino per l'introduzione e adozione nella quotidianità dei salentini dell'ottima e sana pratica del compostaggio domestico della frazione organica dei nostri rifiuti solidi urbani. E questa volta la si fa inaugurando una collaborazione con “La Fabbrica dei Gesti”, importante realtà artistica e teatrale, diretta da Stefania Mariano, (danzatrice/coreografa) costituita da performers, coreuti e musicisti professionisti di fama internazionale che opera a Lecce. Grazie alla collaborazione di Stefania Mariano e Claudio Prima musicista di rilievo del panorama salentino, insieme al responsabile del settore comunicazione “Nuova Messapia” Alfredo Melissano, l'associazione e “La Fabbrica dei Gesti” hanno messo in cantiere un singolare progetto didattico teatrale rivolto a tutti gli studenti e alunni delle scuole di ogni ordine e grado. Obiettivo: sensibilizzarli, attraverso il linguaggio artistico musicale e teatrale, al valore della Cittadinanza Attiva e spiegare loro come ognuno di noi può essere essenziale interessandosi del proprio territorio e dando mano concreta nella soluzione di importante emergenza quale è quella dei rifiuti nel Salento. Esempio eclatante è la non conoscenza e la scarsisissima adozione della buona prassi del compostaggio domestico tanto utile e intelligente e quanto mai economica e necessaria. “Piccola Mela e Grande Arancia”, un racconto strutturato in performance multidisciplinare ideato da Stefania Mariano e Claudio Prima, scritto da Marta Vedruccio, con Emanuele Coluccia, Claudio Prima (musicisti), Chiara De Pascalis, Egle Calò (attrici), Stefania Mariano (voce narrante). La performance “Piccola Mela e Grande Arancia”, è un percoso virtuoso che esemplifica come i rifiuti, in particolare i nostri rifiuti organici, si possono trasformare da un problema gravissimo in una risorsa preziosa. Ogni rifiuto non è a prescindere buono o cattivo è soprattutto il nostro comportamento nei loro riguardi a dargli una caratterizzazione di utilità o di nocività. Difatti sono i nostri piccoli gesti quotidiani che possono trasformare il rifiuto organico, fatto di bucce di frutta, scarti di verdura, sfalci di potatura, in una risorsa preziosa come il compost utile per fertilizzare e ammendare i nostri terreni poveri di sostanze organiche utilissime per l'agricoltura, senza dover necessariamente utilizzare i micidiali e velenosissimi fertilizzanti chimici di sintesi. A tutt'oggi non tutti sanno che 1/3 della nostra produzione quotidiana di rifiuti è composta da risorse di buoni rifiuti organici facilmente recuperabili e smaltibili a km Zero attraverso l'utilizzo della pratica del compostaggio domestico, ma che ancora oggi ci si ostina a conferire stupidamente o in pericolosissime discariche o bruciarli in inquinanti inceneritori. Una frazione importante che condotta attraverso le tecniche di compostaggio domestico e industriale potrebbe essere tranquillamente smaltita nel giro di pochi mesi seguendo dei virtuosi processi naturali dove, prendendo esempio dalla Natura, non si produrrebbero assolutamente rifiuti, bensì lo scarto di un processo biologico diviene virtuosamente la materia prima di un altro processo biologico.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!