Un grande centro commerciale diffuso a Casarano

Due zone della città – il centro e via Agnesi – saranno interessate da interventi di riqualificazione strutturale dei negozi

Finanziato dalla Regione Puglia il progetto sul “Grande centro commerciale diffuso”. Due zone commerciali della città – il centro cittadino e via Agnesi – saranno interessate a interventi volti alla riqualificazione strutturale dei negozi, alla sistemazione dell’arredo urbano, all’animazione di tali zone in particolari periodi dell'anno (Natale, avvio saldi, festività diverse). La dote finanziaria del progetto, curato dall’Assessorato alle Attività Produttive, è di circa 290.000 euro, ripartiti tra interventi pubblici e privati, di cui i 100.000 euro di finanziamento regionale (il massimo consentito per un Comune come Casarano). In via Agnesi (zona Inps), inoltre, è prevista la riqualificazione dell'area mercatale dove saranno installati servizi igienici e gazebo per ospitare i venditori assegnatari degli spazi. Dal punto di vista organizzativo sarà istituito uno sportello informativo e di sostengo per tutti gli esercizi commerciali della città, i quali potranno usufruire anche di vetrine virtuali, aggiornamenti legislativi e informative da parte dell'Amministrazione comunale. “Mi sento di esprimere veramente molta soddisfazione per questo risultato – afferma l’assessore Francesca Fersino – perchè in questo progetto abbiamo attivato un metodo, quello della compartecipazione, che è l'unico in grado di determinare il vero cambiamento per la nostra città. Il progetto che abbiamo presentato è stato, infatti, concertato con la locale sezione Confcommercio, l'associazione Acas, Cna, 'Made in Casarano' e con le associazioni 'Photosintesi' e 'Spazi Musicali' che hanno contribuito ciascuno per la propria parte a progettare l'insieme di azioni previste per rivitalizzare ed organizzare la rete commerciale del centro cittadino”. “Il commercio – ha commentato il sindaco Ivan De Masi – rappresenta un settore strategico nello sviluppo economico della città. Come ebbi modo di sottolineare nelle linee programmatiche presentate in Consiglio comunale all’indomani della mia elezione, la crisi che attanaglia il settore si può superare solo se si riesce a fare sistema con tutte le altre componenti della filiera economica. Questo progetto è stato premiato dalla Regione proprio perché va in questa precisa direzione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!