Ordina una birra minacciando la barista con un coltello da cucina

Leverano. Il fatto, accaduto nel 2007, ha avuto un seguito processuale che si è concluso con la condanna definitiva a un anno di reclusione

I Carabinieri della Stazione di Leverano hanno tratto in arresto Marcello Coroneo, una loro vecchia conoscenza. Classe 1959, l'uomo ha alle spalle una scia di reati contro il patrimonio e la persona che gli sono valsi, dal 2009, anche l'applicazione della misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno. E proprio uno di questi reati è alla base dell'arresto di ieri, effettuato in esecuzione di un’ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzione Penale della Procura della Repubblica di Lecce. Il fatto risale al luglio 2007: Coroneo si trovava in un bar di Leverano quando pretese che la barista gli consegnasse una birra, minacciandola, in caso contrario, di rappresaglie contro l'esercizio commerciale e la sua stessa persona. La pretesa non fu però soddisfatta e, per tutta risposta, la vittima chiese l'intervento dei Carabinieri che, nei pressi del bar, perquisirono il malvivente, trovandogli addosso un coltello da cucina. Inevitabile l'arresto per tentata estorsione e porto abusivo di strumenti atti a offendere. Quella bravata per motivi futili ha poi avuto un seguito processuale che, ora, si è concluso con la condanna definitiva e la necessità di far espiare la pena residua di un anno di reclusione. Di qui il provvedimento a firma del Procuratore della repubblica Aggiunto, dott. Ennio Cillo. Coroneo è stato condotto presso la Casa circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!