Internet e reti wireless gratuite negli ospedali

La proposta è di Aurelio Gianfreda (Idv) che, in merito, interroga l'assessore regionale alla Sanità Tommaso Fiore

Da anni si dibatte sul difficile superamento anche in Italia del digital divide ossia del divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione (in particolare personal computer e internet) e chi ne è escluso, in modo parziale o totale. L'Italia e anche la Puglia restano ben al di sotto della media europea per quanto riguarda la copertura della cosiddetta banda larga intesa quale collegamento veloce ad Internet garantito dalla tecnologia Adsl. Aurelio Gianfreda, consigliere regionale dell’Idv e presidente della commissione allo sviluppo economico, ha presentato una interrogazione all’assessore alla Sanità, Tommaso Fiore, in merito alle “opportunità di disporre l’attivazione della diffusione gratuita di internet ed in particolare della banda larga, all’interno degli ospedali e case di cura, attesa la limitata incidenza economica dell’iniziativa”. “La Puglia si è prefisso l’obiettivo – dice Gianfreda – di adottare iniziative volte a innovare tecnologicamente il Territorio e ad alleviare contemporaneamente le difficoltà delle fasce più deboli della popolazione. Tra le categorie più deboli sono da annoverare i degenti di lungo o medio periodo di ospedali pubblici e/o case di cura private. Perciò sarebbe socialmente utile che gli ospedali e le case di cura fossero dotate di banda larga gratuita per alleviare, almeno parzialmente, le sofferenze di chi è costretto a letto e per consentire a quei pazienti dotati di un semplice e piccolo notebook o laddove vi sono delle postazione fisse all’interno delle sale d’attesa o di locali all’uopo individuati, di poter vedere a qualsiasi ora del giorno o della notte i propri parenti ed amici, anche a migliaia di chilometri di distanza utilizzando programmi tipo skype o simili”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!