Minacciava studenti con finta pistola per sigarette e denaro

Lecce. Arrestato un ucraino 23enne con regolare permesso di soggiorno. Terrorizzava le sue vittime con un'arma giocattolo

Nella mattinata di ieri, i poliziotti della Squadra Mobile di Lecce hanno posto fine all'”attività” di un giovane straniero, regolarmente soggiornante sul territorio nazionale e residente nel capoluogo, che, nell’arco di ventiquattro ore, arma giocattolo in pugno priva del tappo rosso, ha preso di mira studenti di Istituti di Istruzione Secondaria e studenti universitari al fine di portare via qualche sigaretta e pochissimi euro. L’arrestato, Nazar Aksentiuk, ventitre anni, incensurato, ucraino, ha agito con scaltrezza e rapidità, cogliendo di sorpresa le vittime e contando sulla loro impossibilità di difesa. In particolare, intorno alle 13 di ieri, l'uomo ha agito nelle vicinanze della sede di via Pozzuolo del Liceo Scientifico “De Giorgi”, prendendo di mira due quattordicenni. Avvicinatosi a uno di loro, il giovane chiedeva un sigaretta, che gli veniva negata, così come gli veniva negata l’ulteriore successiva richiesta di due euro. A tal punto, Aksentiuk ha estratto la pistola, minacciando di utilizzarla contro il minore nel caso in cui non gli avesse dato tutto ciò che aveva. Il minore, terrorizzato, gli ha consegnato trenta centesimi e il rapinatore si è poi allontanato a piedi. Il ragazzino ha poi denunciato il fatto presso gli Uffici della Questura di Lecce, descrivendo in maniera chiara e precisa la fisionomia e l’abbigliamento del rapinatore e precisando che il malvivente aveva accento tipico dei paesi dell’Est Europa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!