Miss Italia: la Puglia al televoto

A partire da oggi, cinque miss rappresenteranno la regione nelle Finali del concorso in diretta su Rai1. Le modalità per votare

La Puglia è chiamata al televoto e si prepara a digitare i suoi numeri a partire da sabato 11 settembre. A Salsomaggiore domina la bellezza pugliese con cinque Miss a rappresentare la regione nelle Finali del Concorso in diretta su Rai Uno: “Miss Wella Professionals Puglia” Anna Rita Granatiero (numero 06), “Miss Puglia” Giulia Vecchio (numero 12), “Miss Deborah Milano Puglia” Alessia Lippolis (numero 29), “Miss Liabel Puglia” Annapia Caterina Digiglio (numero 40), “Miss Sasch Modella Domani Puglia” Dalila Trovisi (numero 45). Per votare da telefono fisso occorre digitare il numero 894.003 (otto-nove-quattro-zero-zero-tre), attendere che il messaggio preregistrato richieda di digitare il numero di gara della concorrente prescelta e, quindi, digitare entrambe le cifre di cui tale numero si compone (dunque anche lo zero, nel caso delle numerazioni da uno a 9). Per votare tramite Sms, bisognerà comporre un messaggio costituito dal solo numero di gara della concorrente prescelta, indicando tutte e due le cifre, e inoltrarlo al numero 47333 (quattro-sette-tre-tre-tre). È possibile esprimere 4 voti per ogni sessione di voto (sei in totale) nelle serate di sabato 11 settembre e domenica 12 settembre, mentre nella terza serata (13 settembre) per le prime 6 sessioni sarà possibile esprimere tre voti per ogni sessione di voto. Per la finale si avranno a disposizione cinque voti per utenza telefonica, sia fissa che mobile. Incrocia le dita l’agente regionale di Miss Italia Mimmo Rollo, che con la sua Agenzia Parole & Musica è esclusivista per le selezioni pugliesi del Concorso, già soddisfatto dello straordinario successo: la Puglia è, infatti, la regione maggiormente rappresentata a Salsomaggiore, se si considera che nella quota del Lazio ci sono due Miss elette tramite selezione fotografica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!