SeRenata… storia di Renata Fonte

La compagnia teatrale “Calandra” intreccia i fatti di quel 31 marzo in cui fu uccisa, il loro ricordo e ciò che ne è rimasto

Giovedì 9 settembre alle ore 21, presso i nuovi impianti sportivi di Trepuzzi, la Compagnia Teatrale “Calandra” porterà in scena “SeRenata: Storia di Renata Fonte” di Miryam Mariano, liberamente tratto da “La posta in gioco” di Carlo Bollino. Sono tre i personaggi in scena: un carabiniere, una parrucchiera e una donna. Un accordo a tre voci che intreccia i fatti di quel 31 marzo, il loro ricordo e ciò che ne è rimasto. Punti di vista diversi, tempi e luoghi che declinano una stessa vicenda arricchendola di vissuto e di sentito dire. Con Federico Della Ducata, Federica De Prezzo, Miryam Mariano – Regia di Giuseppe Miggiano Il coraggio di una donna: Renata Fonte “Qualcuno si meraviglia che sia una donna a rappresentare il partito nell’amministrazione cittadina. Io rispondo sempre che le donne possiedono ancora fresca tutta la carica di energia che gli uomini, nel corso dei secoli passati al potere, hanno esaurito”. Il 31 marzo dell’84 l’assessore repubblicano Renata Fonte viene assassinato nei pressi della sua abitazione. Rientrava da un consiglio comunale, solo due punti all’ordine del giorno, convocazione insolita. Due killer, un tramite, un mandante. Presto si scoprono le carte, almeno alcune, ed i colpevoli pagano. La storia si conosce e si dimentica: facilmente. L’unica cosa certa è che Renata Fonte era un personaggio scomodo. Abusivismo edilizio, lottizzazione del parco naturale di Porto Selvaggio, assessore alla cultura, una donna impegnata su tanti fronti, troppi, e fortemente motivata. Donna, madre, moglie, insegnante, nipote di Pantaleo Ingusci, personaggio non meno rilevante nella storia di Nardò, tasselli, questi, che disegnano un profilo preciso, quello di una donna uccisa dalla mafia. Le ingiustizie non fanno notizia ma scrivono la storia. La compagnia teatrale Calandra, nel corso degli anni, ha maturato la scelta di dar voce a fatti e persone che spesso sono lasciati nel dimenticatoio mediatico. Spettacoli che parlano di terremoti e di calciatori, di rondinelle e di donne coraggiose, messe in scena essenziali che portano in giro per il Salento ed in tutto lo Stivale racconti, voci e ricordi che emozionino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!