Il centrodestra salentino non illuda i lavoratori

Intervento di Sinistra Ecologia Libertà Salento sulla vertenza CNH

Il Coordinamento provinciale di Sinistra Ecologia Libertà Salento apprende con soddisfazione la notizia del rientro, con un mese e mezzo di anticipo, dei 500 lavoratori della CNH di Lecce in Cassa integrazione straordinaria. La decisione, assunta per riorganizzare il ciclo produttivo in vista della produzione della Terna, mette al riparo lo stabilimento salentino e restituisce dignità a tante vite in bilico. Ma questo lieto evento non è sintomo né di ripresa né di prospettive rosee. I volumi produttivi dello stabilimento sono dimezzati rispetto al 2007, dato preoccupante e allarmante per l’indotto di circa 3500 lavoratori, quindi di 3500 famiglie, legati alla CNH. Pesano quindi come pietre le parole del Presidente della Provincia Antonio Gabellone o del Sindaco di Lecce Paolo Perrone che parlano di nuovi investimenti in arrivo e di nuove assunzioni. Illudendo e ingannando tanti giovani: da chi, come quei 100 lavoratori interinali estromessi dalla CNH, spera di poter tornare presto al lavoro a chi in quella fabbrica non ha mai lavorato ma ha l’ambizione di lavorarci. La destra salentina, anziché abbagliare e baloccarsi con i drammi personali, con le speranze e i progetti delle persone dovrebbe adoperarsi per costruire risposte alla crisi economico sociale del nostro territorio e se poi fosse così vicina agli operai potrebbe provare a fare la propria parte per impedire quel regime di controllo lesivo dei diritti di sciopero e dei diritti sociali costituzionali dei lavoratori che a Pomigliamo sta scrivendo una pagina buia di questo Paese. Il coordinamento provinciale di Sinistra Ecologia Libertà

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!