Tenta di uccidere la sorella. Poi si barrica in casa

Sfonda il portone dell'abitazione della donna e la minaccia di morte con un martello e una mazza ferrata. Coinvolto anche il suocero di lei

Arrestato, in flagranza di reato, per tentato omicidio, violenza privata e danneggiamento, Mimino Nicolaci 34enne del posto. E' accaduto a Copertino, nel primo pomeriggio di oggi. Ma i fatti erano avvenuti nella mattinata odierna, quando, successivamente a litigi avvenuti per futili motivi e nei confronti della propria sorella e del suocero di quest’ultima, Mimino Nicolaci si è reso responsabile dello sfondamento e danneggiamento, mediante un’autovettura Peugeot 307, del portone d’ingresso dell’abitazione della donna. Poi, una volta sfondato il portone ed entrato in casa, l’uomo, li ha minacciati di morte, tramite l’utilizzo di un martello da carpenteria e di una mazza ferrata. Il 36enne, compreso che le vittime avevano chiamato in soccorso i carabinieri della locale tenenza, allo scopo di sottrarsi alla cattura, è rientrato nella sua abitazione barricandosi, ma i carabinieri sono riusciti a entrare e bloccarlo. Dopo le formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno, l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment