Hanna e Violka. Badanti in Salento

Questa sera, alle 21, a San Foca e domani alle ore 18,30 a Maglie, proiezione del documentario e incontro con la regista

Due donne le protagoniste dell’ultimo lavoro della regista leccese Rossella Piccino, laureata in Cinematografia Documentaria e Sperimentale al Dams di Bologna e attualmente residente in Francia, dove lavora allo sviluppo di un nuovo progetto presso lo Studio Nazionale di Arti Contemporanee LeFresnoy. “Hanna e Violka” è un toccante documentario dedicato alla condizione sociale delle donne migranti, spesso badanti, presenti sul territorio italiano e in particolare nel Salento, angeli custodi dei nostri anziani e nella pellicola alle prese con nonno ‘Ntoni, un ultraottantenne malato di Alzheimer. L’appuntamento è questa sera alle 21 a San Foca, al Festival “Lo sguardo di Omero”, (in caso di pioggia le proiezioni si svolgeranno nei locali chiusi del porto), e domani alle ore 18,30 a Maglie presso la sala della Libreria “Universal” in via Ospedale. L'iniziativa a Maglie si inquadra nell'attività pluriennale dall'associazione Biblioteca di Sarajevo che, attraverso l'affiliazione all'Arci e il percorso della Rete delle donne per una Puglia migliore, manifesta ulteriore attenzione al tema della condizione delle donne migranti in particolare, in un'ottica di difesa dei diritti ma anche di sensibilizzazione culturale nei confronti dell'integrazione fra culture e fra stili di vita.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!