Tango e zingarate per i concerti del chiostro

L'evento di questa sera a Galatina è un viaggio che dalla musica zingaresca ungherese, attraverso la Spagna, giunge al tango argentino

L’estate sta finendo e termina anche la XIII stagione de “I Concerti del Chiostro”, organizzata dall’omonima associazione galatinese diretta dal maestro Luigi Fracasso. Il sipario però calerà solo dopo che il palco avrà offerto al pubblico un ultimo imperdibile appuntamento con la musica. Giovedì 2 settembre, alle ore 21 presso il Palazzo della Cultura a Galatina, si esibirà un trio singolare: il violino di Nicola Gravillo, la chitarra di Massimo Scattolin ed il contrabbasso di Stefano Mazzoleni. Il programma della serata è un viaggio ideale che dalla musica zingaresca ungherese, attraverso la Spagna, giunge al tango argentino. I tre maestri sapranno incantare ancora una volta tutti coloro che vorranno farsi trasportare dall’emozione che da sempre la struttura armonica di questo genere di musica trasmette. Da Astor Piazzolla a Johannes Brahms, da Daniel Forte a Luigi Boccherini, il cammino sulle corde degli strumenti di Gravillo, Scattolin e Mazzoleni porterà alla degna conclusione una stagione concertistica di successo. “Roberto Cappello, Billy Cobham, Roberto Fabbriciani sono artisti così autorevoli che voler azzardare un qualunque commento sarebbe veramente fuorviante”, aveva detto il maestro Fracasso all’inizio della manifestazione a fine luglio. Ha parlato allora la musica ed ha coinvolto senza mezzi termini chiunque si sia fermato ad ascoltare. Il costo del biglietto per l’ultimo appuntamento del calendario è di 8€. Per informazioni e prevendita rivolgersi alla libreria “Viva-Athena” di via Liguria a Galatina o telefonare al 331.4768353.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment