Denunciato per detenzione di materiale pornografico

San Cataldo: i poliziotti hanno notato un uomo mentre fotografava alcuni minori intenti a giocare presso uno stabilimento balneare

Nel pomeriggio di ieri le volanti della Questura di Lecce, con il contributo determinante di due colleghi in servizio presso l'Ufficio Polizia di Frontiera di Brindisi, nonchè del Commissariato di Ostuni, hanno denunciato un cinquantatreenne originario della provincia di Brindisi per detenzione di materiale pornografico. I poliziotti in servizio presso l'Ufficio Polizia di Frontiera di Brindisi, ieri pomeriggio erano presso lo stabilimento balneare della Polizia di Stato sito in località San Cataldo di Lecce. Gli stessi, allertati da numerose segnalazioni di alcuni bagnanti, hanno notato un uomo mentre fotografava alcuni minori intenti a giocare all’interno del predetto stabilimento e a quello attiguo. I poliziotti hanno così chiesto ausilio alle volanti al fine di procedere all’accompagnamento in Questura dell’uomo nonché al sequestro della macchina digitale e del cellulare in uso e contenenti rispettivamente diversi fotogrammi ritraenti due minori che indossavano i bikini, oltre a riprese video pornografiche estratte da film con adulti. All’interno dell’autovettura di proprietà dell’uomo è stato altresì rinvenuto un binocolo. Su disposizione del magistrato di turno Dr.ssa Mininni, gli operatori hanno proceduto a effettuare, unitamente a personale del Commissariato di Ostuni, una perquisizione domiciliare presso la residenza del fermato. La perquisizione domiciliare ha dato esito positivo visto che al termine delle operazioni sono state rinvenute numerosissime cassette video Vhs, oltre a Dvd e Cd Rom, il cui contenuto è al vaglio degli inquirenti. Sono state già identificate le minori ritratte nelle foto a loro insaputa e sono state già presentate le querele da parte dei familiari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment