C'è “JazzIlliria” nelle notti di Poggiardo

Dopo il “Messapia Jazz Festival” è la volta di di “JazzIlliria”. Tra gli ospiti, il grande batterista Robero Gatto

La manifestazione, in programma lunedì 23 agosto, in Piazza Giovanni Paolo II (largo chiesa a Poggiardo), si preannuncia, come uno dei maggiori appuntamenti jazz dell’estate non solo salentina con un trio dall’altissimo tasso di talento guidato da Roberto Gatto (batteria), Alessandro Lanzoni (pianoforte) e Gabriele Evangelista (contrabbasso). Si tratta di una composizione inedita che accanto alla figura di uno dei più importanti batteristi della scena mondiale come Roberto Gatto, capace di caratterizzare le sue formazioni da un’interessante ricerca timbrica e da un grande calore tipico della cultura mediterranea, oltre che da un impeccabile tecnica esecutiva, vede due autentici enfant prodige del panorama jazzistico italiano. Alessandro Lanzoni e Gabriele Evangelista, diciottenne l’uno, ventiduenne l’altro, nonostante la loro giovanissima età hanno già al loro attivo non solo numerosi e prestigiosi premi raccolti in giro per il mondo, ma possono già vantare collaborazioni con alcuni dei più grandi jazzisti internazionali da Lee Konitz a Fabrizio Bosso, da Francesco Cafiso a Nick Myers, da Enrico Rava a Irio De Paula, da Danilo Rea a Jason Marsalis, da Gianluca Petrella a William Tatge solo per citarne alcuni. L’evento rientra nell’ambito della rassegna estiva di eventi “Le Notti di Poggiardo 2010” organizzato da “Elettronica Service” (gestore del Teatro Illiria di Poggiardo) in collaborazione con Sole Vento Energia e con il patrocinio del Comune di Poggiardo. Inizio ore 21.30 Ingresso € 10

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!