Sud-Fest, per una notte di musica

La prima edizione del festival è stata organizzata dal Comune di Martano, Assessorato alle Politiche giovanili

Con l’intento di promuovere e diffondere la cultura musicale ed artistica salentina, il Festival Sud-Fest organizza la sua prima edizione. Si parte sabato 7 agosto alle 22 presso la Villa comunale di Martano. La musica sarà protagonista della serata. Ad aprire sarà un gruppo musicale tutto al femminile “Lola and the lovers” e subito dopo il Concerto degli SteelA. Ma non solo. Durante la serata la “Fabbrica dei Gesti” curerà le performances di artisti di varia provenienza che s’incontreranno per dar vita ad un momento spettacolare dove le installazioni di Sara Porcari, lo spettacolo col fuoco di Lilly ed Artisti di Strada “Puk il clown” di Francesca Portone, faranno da cornice. In chiusura si continuerà a ballare con le selezioni musicali di Soulfiero&Enaghema che a ritmo di funk, soul e reggae concluderanno la serata. La direzione artistica è affidata ad Antonio De Marianis Info sugli artisti SteelA Stile + elaborazione: la risposta a chi domanda cosa significa SteelA è semplice. Come rapida è stata la maturazione dei sei ragazzi partiti dal Salento e tuttora in viaggio verso il suono apolide dell’Europa fuori controllo: dai primi sound system in cui buttarsi sul microfono all’idea di band, dagli incontri con Max Casacci (Subsonica) e Madaski (Africa Unite) a un primo album ricco di radici reggae e vie di fuga elettro club, fino all’esperienza come backing band di Raiz e all’elaborazione del secondo disco. L’istinto selvaggio di gioventù si intreccia alla maturità di chi a soli ventiquattro anni, questa è l’età media del gruppo, ha già dedicato metà della propria esistenza alla musica. Procedendo per ordine, nel cuore degli anni Novanta il tredicenne Moreno Turi da Borgagne è poco di un bambino, eppure già se la gioca nelle dancehall di ispirazione giamaicana e retrogusto taranta che invadono le spiagge della sua zona. Intorno a lui e a Emanuele “Sciampy” Carcagni si aggrega una sorta di antibaby band: nessuna velleità da fenomeno televisivo, semplicemente la passione per il reggae degli Africa Unite, di casa sulla piazza del paese. Via i giocattoli, arrivano gli strumenti e nasce il Salento Roots Project, anticamera di SteelA. Moreno ci mette la voce e Sciampy la chitarra, Donatello “Cusci” Vitto ed Errico Carcagno tastiere e cori, Valerio “V.Bass” Greco il basso, Antonio “Dema” De Marianis la batteria. http://myspace.com/steelamusic Lola and the lovers Il progetto “Lola and the Lovers” nasce nel febbraio 2008 dall’unione di due musiciste salentine poco più che ventenni. Il quartetto, composto da Sofia Brunetta (voce e chitarra), Francesca Mele (basso e cori) Carolina Bubbico (synth e cori) e Simone Prudenzano (batteria), rapidamente cresce e si forma mischiando alla tradizionale formula rock del power trio, power-chords tipicamente hard, riff stoner e persino strofe funkeggianti, il tutto squisitamente dipinto da tre voci calde e potenti. Nel giro di pochi mesi le “Lola” si esibiscono nei più importanti locali live pugliesi e in varie manifestazioni di musica dal vivo raggiungendo un totale di oltre 80 esibizioni live. Vincono il concorso musicale “MusicArt 2008”. Partecipano alla “Notte Bianca” della città di Lecce, evento che vede la partecipazione di artisti quali “Après la classe”, e alla “Notte Rosa” di Otranto, che promuove la creazione artistica al femminile. Aprono il concerto degli Offlaga disco Pax, Teatro degli orrori ,Flashtones, Emma Marrone, Skiantos e Bandabardò e si esibiscono in alcuni locali del nord della penisola, tra cui “Le Scimmie”, storico locale live di Milano, in occasione dei concerti di Micol Martinez e Vittoria Hyde. Aprono il concerto dei “Vanillina” al Palazzo Granaio (MI) e si esibiscono al “Rock Planet Music”, la “fiera del rock” di Red Ronnie ospitata in Piazza Duomo a Milano. Il 29 ottobre registrano una puntata del programma “Sala prove” di Rock tv . Attualmente sono al lavoro sulla produzione di un disco e del videoclip che usciranno in autunno e saranno presentati da un minitour nazionale. http://www.myspace.com/lolandthelovers La Fabbrica dei Gesti La Fabbrica “nasce” nel 2007 dal corpo di Stefania Mariano (danzatrice/coreografa) attraverso un'immersione simbiotica con Tiziana Dollorenzo Solari (psicointerprete d'arte, performer, ricercatrice delle dinamiche antropologiche del respiro nelle espressioni artistiche). Un’esperienza creativa in continua evoluzione, quella che Stefania Mariano sperimenta e promuove, che la vede interagire con diverse sensibilità artistiche attive nel territorio salentino e non, arricchendo la sua danza attraverso la contaminazione dei differenti linguaggi della scena. La Fabbrica dei Gesti è lo spazio culturale ideale per un innovativo approccio al teatro, alla danza, alla musica ed alle altre forme artistiche, un centro propulsore d'incontro tra diverse discipline artistiche, uno strumento fondamentale per una partecipazione attiva alla vita culturale, con un occhio di riguardo alle fasce deboli ed all’integrazione tra le diverse culture. La Fabbrica dei Gesti vuole essere uno spazio adeguato, ospitale, un “gesto aperto” che offre l’opportunità di esprimere liberamente la propria soggettività artistico/creativa, condividendo con gli altri il proprio linguaggio, percorso, risultato. Un riferimento, uno spazio attivo di elaborazione e costruzione, ricezione e produzione, aggregazione e confronto, dove potersi incontrare, conoscere, discutere, crescere insieme attraverso lo scambio di idee, pareri e proposte. La formazione riguarda il teatro, la danza, la musica, la produzione di spettacoli, l'organizzazione di eventi artistici, le residenze, la cooperazione internazionale, l'impegno sociale. http://www.facebook.com/lafabbricadeigesti

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!