Otranto, al via la “Settimana della cultura”

La kermesse si apre questa sera con la presentazione del libro “Metti a Emiliano. Quello che dicono del sindaco di Bari”

Il Club Unesco di Otranto, in collaborazione con il Comune di Otranto e la Provincia di Lecce, organizza, in occasione dei festeggiamenti per il riconoscimento di Otranto come Patrimonio culturale mondiale Unesco, in qualità di “Sito messaggero di pace”, la Seconda edizione della “Settimana della cultura”, dal 3 all’8 agosto. Nella settimana si alterneranno incontri con autori del mondo della cultura e del giornalismo d’inchiesta. Il programma della prima serata prevede un appuntamento all’insegna della politica e di un personaggio particolarmente popolare in Puglia. Apre, infatti, la kermesse, oggi 3 agosto, alle ore 21, in Largo Porta Alfonsina, la presentazione del libro “Metti a Emiliano. Quello che dicono del sindaco di Bari” di Roberto Lorusso e Pietro Andrea Annicelli – edito da Marsico Libri Parteciperanno: Roberto Lorusso e Pietro Andrea Annicelli, autori del libro Modereranno Elio Paiano e Mauro Bortone, giornalisti Si tratta di un libro nel quale, attraverso le testimonianze di ottantasette persone note e meno note, è raccontata la vicenda di Michele Emiliano, dalla sua discesa in politica nel 2004 alla rielezione a sindaco di Bari nel 2009. Il libro, 232 pagine, con la copertina realizzata da Giovanni Sasso e quindici disegni di Carlo Barbanente, delinea l’esperienza di Emiliano in politica cogliendone l’aspetto emotivo personale e corale attraverso il ricordo degli intervistati, da Pietro Andrea Annicelli, affidando a Roberto Lorusso, stratega delle campagne elettorali vincenti del sindaco di Bari, la narrazione che fa da filo conduttore della storia. Ne scaturiscono così gli aspetti d’una mobilitazione popolare che resta unica in Italia, contribuendo a spiegare quella rinascita pugliese che ha per riferimento Nichi Vendola ai vertici istituzionali della Puglia. “Metti a Emiliano” presenta al grande pubblico anche alcuni contenuti noti finora soltanto agli addetti ai lavori: la Magna Charta con i principi della candidatura di Michele Emiliano, scaturiti da una precisa visione di democrazia orizzontale da parte della società civile barese; alcuni cenni al Metodo in Comune che ha rappresentato un principio organizzativo e gestionale dell’amministrare di Emiliano; il racconto umoristico Una bella avventura, scritto da Roberto Savino, che fotografa simpaticamente la prima campagna elettorale e che era finora rimasto nella cerchia degli amici e dei collaboratori del sindaco. In definitiva il testo si propone come la sintesi narrativa, attraverso i come e i perché raccontati da osservatori e protagonisti, di una esperienza politica e amministrativa, quella di Michele Emiliano a Bari e in Puglia, particolarmente interessante e innovativa nella realtà politica italiana. Sugli autori Roberto Russo è nato a Bari, sposato, 5 figli. Imprenditore e consulente per l’innovazione e l’apprendimento continuo, si occupa di pianificazione strategica per imprese ed enti pubblici attraverso tecniche di Partecipazione creativa e di Dinamica dei sistemi. Ha progettato e guidato le campagne elettorali di Michele Emiliano. Autore di: – Informazioni per decidere, Franco Angeli Editore, Milano – Per una città governabile, Progedit Editori, Bari – DePILiamoci, Editori Riuniti, Roma – L’impresa virtuosa, Editori Riuniti University Press, Roma – All’alba della notte bianca, Editori Riuniti University Press, Roma www.robertolorusso.it Pietro Andrea Annicelli Nato a Ischia, giornalista, collabora a giornali e riviste, tra i quali il Corriere del Mezzogiorno. È direttore e proprietario a Martina Franca del giornale Cronache Martinesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment