Aisha, sfigurata dagli afgani, è anche tra noi

Aisha e gli altri. Storie di migranti che fuggono dall'orrore e dalla miseria dei paesi di provenienza

Stanno aumentando gli sbarchi nel Salento. Si tratta soprattutto di persone di etnìa afghana. Giustamente i militari sono al lavoro per bloccare il traffico di esseri umani, e noi ne diamo quasi quotidianamente notizia. Ci fermiamo al clamore dei numeri: più sono i clandestini, più l’azione delle forze dell’ordine è ben organizzata, da lodare, da comunicare. Dimentichiamo che a causa di un’ingiusta legge, la Bossi-Fini, la maggior parte di queste persone torneranno nel loro paese d’origine. Da dove fuggono. Per ricordare l’orrore da cui sono scappati, il Time ha pubblicato in copertina lì’immagine shock di una ragazza afghana di 18 anni, sfigurata dai talebani. E’ un pugno nello stomaco. Ad Aisha i talebani hanno mozzato naso e orecchie per essere scappata dai parenti che abusavano di lei. La ragazza ha accettato di posare davanti all'obiettivo proprio perché voleva far vedere al mondo “cosa succederebbe all'Afghanistan se i Talebani tornassero al potere”. Il direttore del settimanale, Richard Stengel, ha confessato di aver riflettuto a lungo se pubblicare questa immagine in copertina: “Volevo essere sicuro in primo luogo che Aisha fosse consapevole di quanto stava facendo e di ciò che significa essere in copertina. Lei sa che ora diventerà un simbolo del prezzo che le donne afghane devono pagare a causa della ideologia oppressiva del talebani”. Aisha, tra le tante vittime della brutalità afghana, sarà forse la meno sfortunata. Stengel ha spiegato infatti che la giovane è diretta alla volta degli Stati Uniti dove sarà sottoposta ad un intervento di plastica ricostruttiva. Ma quante Aisha ci sono tra quelle sbarcate nei giorni scorsi a Leuca, ad Otranto, sulle coste pugliesi? Chiediamocelo al prossimo servizio sugli sbarchi che leggeremo. Chiediamoci dove torneranno quando le ricacceremo indietro. Articoli correlati Nuovi sbarchi: 29 i migranti nelle acque di Leuca (30 luglio 2010) Traffico di esseri umani al largo di Otranto (29 luglio 2010) Ancora sbarchi a Porto Selvaggio (22 luglio 2010) Traffico di esseri umani a Porto Badisco (20 luglio 2010) Gallipoli: arrestati due scafisti e salvati 36 migranti (9 luglio 2010) Operazione antimmigrazione. Individuati 35 clandestini (11 giugno 2010) Immigrati, nuovi sbarchi nella notte (15 aprile 2010) Nuovi sbarchi sulle coste salentine (11 aprile 2010) Nuovi sbarchi sulle coste salentine (6 marzo 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment