Gallipoli calcio, depositata la sentenza di fallimento

Il giudice del Tribunale civile ha dichiarato il fallimento del Gallipoli calcio. La nuova squadra ripartirà dalla Promozione

Adesso è ufficiale, l’avventura è davvero finita. Il giudice del Tribunale civile di Lecce, Massimo Orlando, ha dichiarato il fallimento del Gallipoli calcio. A motivare la decisione del magistrato della sezione fallimentare, lo stato di insolvenza derivante da una perdita pari, al 30 aprile scorso, a 4.533.972 euro, che si è sommata a quella pregressa di 904.514 euro. La tanta sospirata ricapitalizzazione non è mai avvenuta, anche perché l’assemblea prevista per il 5 maggio è andata deserta. A a è servito il ricorso presentato dalla società, che ha ora tre giorni per il deposito dei bilanci e delle scritture contabili e fiscali obbligatorie, nonché dell’elenco dei creditori. Il giudice ha poi nominato come curatore fallimentare il dottor Luca Maggiulli, aggiornando l’udienza al prossimo 7 febbraio. A volte finiscono così le favole, soprattutto quelle calcistiche. Finisce così, nel modo peggiore, la breve e disastrosa era D’Odorico, quella della storica partecipazione al campionato cadetto. L’ex presidente è anche coinvolto, con il socio Christoph Concina, nell’inchiesta giudiziaria che li vede imputati con l'accusa di truffa ai danni di Vincenzo ed Antonio Barba dai quali hanno acquistato la società calcistica. Nel contratto, siglato lo scorso 11 agosto, D'Odorico di impegnava a versare alla famiglia Barba la somma di 3.115.520 euro. Una cifra che gli ex presidenti dichiarano di non aver mai ricevuto. La nuova squadra, denominata “Gallipoli Football 1909 Associazione Sportiva Dilettantistica” si iscriverà nel campionato di Promozione pugliese. Il presidente sarà l'imprenditore Attilio Caputo, attivo nel settore turistico; suo vice Roberto Cataldi. Queste le altre cariche: Segretario-Tesoriere Vittorio Sannino; consiglieri: Giorgio Della Ducata e Francesco Petrachi. L’allenatore sarà Giovanni De Pasquale con la collaborazione del suo vice Loris Zappatore. La squadra avrà i classici colori giallo e rosso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!