Chiese aperte? Si, “per piacere”

Parte oggi l'iniziativa: il protocollo tra Apt e diocesi di Lecce permette il prolungamento dell’orario di chiusura in 35 luoghi di culto

L’accoglienza turistica da oggi sarà sinonimo anche di accoglienza dei visitatori nei luoghi di culto, al di fuori degli orari rigidi dell’inverno, al di fuori degli appuntamenti delle celebrazioni. Le giornate si dilatano, la lentezza irrompe, finalmente, nelle nostre vite. E anche le chiese si “aprono” a turisti e curiosi per offrirsi come espressione d’arte e di bellezza, non solo come luoghi di spiritualità. Parte oggi infatti il progetto “Chiese Aperte” dell’Apt di Lecce, iniziativa interna al programma di accoglienza turistica “Città Aperte 2010” che prevede il prolungamento dell’orario di apertura delle chiese salentine per una fruizione turistica più completa e flessibile dei beni ecclesiali e culturali del nostro territorio. Il progetto è reso possibile grazie ai protocolli di intesa che l’Azienda di Promozione Turistica ha siglato con le Arcidiocesi di Lecce e di Otranto, con l’Associazione “Gallipoli Nostra” e con la Pro-Loco di Nardò e grazie all’impegno di enti e associazioni territoriali. Tra luglio e agosto, fino a settembre, decine di chiese apriranno le loro porte per un tempo più lungo durante la giornata, in modo da avere più possibilità di soddisfare la curiosità del turista e da creare offerta ad una domanda sempre forte negli anni, che considera i luoghi di culto e di significato religioso tra i più rappresentativi dal punto di vista culturale, artistico e monumentale. Il progetto “Chiese Aperte” rappresenta dunque una sezione specifica e fondamentale di “Città Aperte”, in quanto non solo contribuisce in maniera determinante ai suoi obiettivi generali di promozione e accoglienza turistica, ma concorre all’opera di sensibilizzazione dei cittadini e delle istituzioni portata avanti da Apt. L’Arcidiocesi di Lecce ha accettato e sottoscritto la convenzione, assicurando il prolungamento dell’orario di apertura delle chiese di sua competenza dal 17 luglio al 19 settembre. Come per lo scorso anno, dunque, grazie a questa iniziativa, il territorio salentino può valorizzare la promozione delle sue risorse culturali, artistiche, architettoniche e monumentali, particolarmente presenti nelle chiese, mirando ad un’offerta turistica che amplia la disponibilità di ricezione del visitatore e punta alla formazione di una crescita culturale nel settore turistico-religioso, anche grazie ad una stretta collaborazione tra APT, diocesi, associazioni territoriali e comuni. A questo scopo, è stato già previsto dagli enti coinvolti un accordo che estende l’iniziativa “Chiese Aperte” ai ponti festivi di Ognissanti e dell’Immacolata Concezione e al periodo delle festività natalizie, secondo un calendario che sarà comunicato successivamente. «Rinnoviamo per il quinto anno consecutivo il progetto “Chiese Aperte”», commenta Stefania Mandurino, commissaria dell’Apt di Lecce, «ma quest’anno abbiamo anche il conforto dell’Arcivescovo D’Ambrosio, il quale ha avuto l’attenzione di salutare i nostri ospiti, con una lettera aperta, ponendosi in prima fila a favore di una migliore accoglienza turistica. Ed, in occasione dell’inaugurazione di Porta Napoli, ha invitato anche i residenti ad assumere un atteggiamento di maggiore custodia e tutela verso i nostri beni monumentali e paesaggistici, spesso oggetto di sfregi e deturpazioni. Tale sensibilità ed attenzione sarà un importante sostegno alla crescita culturale del turismo salentino e al suo sviluppo futuro». Ecco quali chiese si possono visitare e quando Lecce Chiesa di Sant’Irene: aperta dalle ore 9,00 alle ore 12,30 al mattino e dalle ore 16,00 alle ore 20,00 nel pomeriggio; la Chiesa di Santa Chiara (aperta della ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00; Santa Croce (aperta dalle ore 8,00 alle 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 21,00) la Chiesa di San Matteo (aperta dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 21,00) la Chiesa di San Giovanni Battista (aperta dalle ore 8,00 alle ore 12,30 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00) la Cattedrale (aperta dalle ore 8,00 alle ore 12,30 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00). Otranto la Cattedrale SS.Annunziata dalle ore 7,00 alle ore 12,30 e dalle ore 15,00 alle ore 20,00 la Chiesa di San Pietro dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,00 alle ore 19,30 il Santuario Santa Maria dei Martiri il lunedì, il martedì, il giovedì e il sabato dalle ore 8,00 alle ore 12,30 e il mercoledì e la domenica (tramite grata) dalle ore 8 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 19,30. Galatina Basilica di Santa Caterina d’Alessandria dalle ore 7,00 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 20,00 Chiesa dei SS.Pietro e Paolo dalle ore 8,00 alle ore 12,00 e dalle ore 17,00 alle ore 21,00 Chiesa di S.Biagio dalle ore 8,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,00 alle ore 21,00. Grazie ad un’intesa tra Apt e il Comune di Galatina, inoltre, anche la Chiesa di San Paolo, appena restaurata, potrà essere visitata con guida, sia durante le “Passeggiate per Città” programmate all’interno di “Città Aperte”, che su richiesta, contattando lo Iat di Galatina al numero 320/8689221. Altri paesi Chiesa Convento (ex Agostiniani) di Melpignano resterà aperta dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 16,30 alle ore 19,30; la Cripta SS.Cristina e Marina di Carpignano Salentino, aperta dalle ore 9,00 alle ore 12,30 e dalle ore 15,30 alle ore 20,00; la Cattedrale SS.Annunziata di Castro, dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 16,00 alle ore 20,30; la Chiesa Matrice di Corigliano d’Otranto, dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00; la Chiesa Madre di Diso rispetterà l’orario dalle 8,30 alle 12,30 nella mattina e dalle ore 16,00 alle ore 20,00 nel pomeriggio; la Chiesa Madre e la Chiesa Madonna delle Grazie di Maglie resteranno aperte entrambe dalle ore 7.30 alle ore 12,30 e dalle ore 16,00 alle ore 20,30; a Muro Leccese la Chiesa dei Domenicani e la Chiesetta di Santa Marina rispetteranno l’orario di apertura che va dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,30 alle ore 20,30, mentre la Chiesa Matrice seguirà l’orario che va dalle ore 8,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,30 alle ore 20,30. Come detto, anche le chiese di Gallipoli e Nardò sono coinvolte nell’iniziativa “Chiese Aperte” e in particolare, a Gallipoli, l’APT ha sottoscritto un accordo con l’Associazione “Gallipoli Nostra” che prevede il prolungamento dell’orario di apertura fino al prossimo 15 settembre delle seguenti chiese gallipoline: la Cattedrale di Sant’Agata, la Chiesa degli Angeli, la Chiesa del Crocifisso, la Chiesa di San Francesco d’Assisi, la Chiesa dei Santi Medici, la Chiesa del Carmine, il Santuario del Canneto, tutte con un orario che va dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 17,00 alle 21,30. La Chiesa della Purità, invece, resterà aperta dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 17,30 alle ore 21,30, mentre il Frantoio Ipogeo, sempre a Gallipoli, aprirà le sue porte ai visitatori dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 23,00 nei mesi di luglio e agosto, chiudendo un’ora prima in serata a settembre. La Pro-Loco di Nardò, invece, ha reso disponibile il servizio dal 1° agosto al 15 settembre 2010 nella Chiesa Maria SS. Assunta Cattedrale, nella Chiesa di Sant’Antonio, nella Chiesa di San Giuseppe, nella Chiesa della Purità, nella Chiesa di Santa Maria del Carmine e nella Chiesa di Santa Chiara, tutte aperte dalle ore 9,00 alle ore 12,00 al mattino e dalle ore 17,00 alle ore 20,00 nel pomeriggio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment