Voto di scambio: prescrizione per Angelo Tondo

Si è concluso il processo al consigliere comunale di Lecce Angelo Tondo(Io Sud) e ad altre 10 persone. Resta aperto quello dell’ex rettore dell’Università del Salento, Limone, sul voto di scambio

Si chiude con la prescrizione del reato, il processo che vedeva coinvolto il consigliere di Io Sud Angelo Tondo e altre dieci persone, accusati di voto di scambio durante le elezioni amministrative del 2007. Ieri, i difensori degli imputati – Angelo Pallara, Ester Nemola, Stefano De Francesco – si erano appellati ad una legge speciale, secondo la quale il termine di prescrizione per il voto di scambio è fissato in due anni; eccezione accolta dal giudice Silvio Piccinno, in contrapposizione all’opinione del pubblico ministero titolare dell’inchiesta, Marco D’Agostino, secondo cui la prescrizione scattava sarebbe scattata dopo sette anni. Le altre persone, finite sul banco degli imputati ma che hanno beneficiato della prescrizione grazie alla recente normativa, sono stati: Giovanni Quarta, Angelo ed Alessandra Ciola, Giuseppe Scarafile, Giuseppe e Michael Lezzi, Oronzo e Simona Negro, Giuseppe Marinacci e Michele Carrassi. Per l’accusa, infatti, sono loro ad aver aiutato Tondo ad ottenere voti in cambio di favori. Dunque, dalle indagini emergono tre assunzioni presso la “British American Tobacco” di Lecce e ed un contratto di collaborazione coordinata e continuativa per un compenso di 11.900 euro presso il Comune di Lecce. Ma non solo: Tondo avrebbe anche promesso ad un coimputato la rateizzazione di una contravvenzione, l’assegnazione di una casa popolare e un posto come scrutatore durante le vicine elezioni. Rimane invece aperto il processo in cui è coinvolto in prima persona l’ex rettore Oronzo Limone, di cui quello per voto di scambio a carico di Tondo era uno stralcio. Limone è accusato di peculato e corruzione per aver usato il denaro dell’università per motivi non istituzionali. In più, sono emersi alcuni viaggi e trasferte addebitate sul conto dell’Ateneo ma fatti a titolo personale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!