Buccoliero e il Palazzetto dello Sport di Collepasso

Il Comune di Collepasso risponde al consigliere regionale Antonio Buccoliero, sulla costruzione del Palazzetto dello sport

“Sembra quasi paradossale che nel XXI secolo” alcuni politici, nella smania di essere sempre e comunque presenti sulla stampa, siano autori di gaffes tanto marchiane. E’ il caso del consigliere regionale Antonio Buccoliero, già vice di Mastella nell’Udeur e “nei secoli fedele”: prima al centrosinistra, poi al centrodestra e, in tempi più recenti, ad un gruppo nuovo regionale “di zecca”, dalle grandi e velleitarie ambizioni locali. Da tempo – e ancora nei giorni scorsi -, il consigliere martella i giornali con la sua richiesta alla Regione di finanziare a breve “dieci cantieri” in provincia di Lecce. Tra questi, al secondo posto, il Palazzetto dello Sport di Collepasso. Collepasso è certamente onorata da tanta attenzione. Alla prova dei fatti, però, un’attenzione solo strumentale, “pelosa” e propagandistica, oltre che “viziata” nel merito. Probabilmente, il colonnello Buccoliero non verifica le informazioni che gli passano i suoi “marescialli” delle “stazioni” politiche locali né la credibilità di costoro e, certamente, nemmeno la loro coerenza. L’Amministrazione comunale, che, a differenza di Buccoliero e dei suoi referenti locali, è da sempre vicina e segue la brillante squadra femminile della “Luna Blu Collepasso”, promossa quest’anno in serie C, ha già avviato da tempo l’iter per la costruzione del Palazzo dello Sport, acquisendo sia un’ampia area all’ingresso del paese sia i finanziamenti da parte del Credito Sportivo. Per conoscenza, si riporta un sintetico riepilogo del complesso iter amministrativo: – il 5 giugno 2009 la Giunta comunale ha approvato il progetto preliminare del Palazzetto dello Sport per l’importo complessivo di € 950.000,00; – il 1° luglio 2009 il Consiglio comunale ha approvato il progetto in variante al Programma di Fabbricazione (la variante si è resa necessaria poiché l’ampia area individuata – 2,40 ettari – e acquisita dal Comune, proprio all’ingresso del paese, era individuata come agricola); – il 13 ottobre 2009 la Giunta ha approvato il progetto definitivo di € 950.000,00; – il 4 dicembre 2009 la Giunta ha approvato il 1° Stralcio Funzionale dell’importo di € 750.000,00 (€ 150.000,00 con contributo della Provincia; € 600.00,00 con mutuo ottenuto dal Credito sportivo); – il 4 maggio 2010 la Giunta ha approvato il progetto esecutivo del 1° Stralcio per l’importo di € 750.000,00, elaborato dall’Ufficio Tecnico. In questa fase, infine, gli uffici competenti stanno elaborando tutte le procedure per la gara che, in modo corretto e trasparente, individuerà l’impresa che costruirà la tanto attesa opera. Ad oggi, le uniche “notizie certe”, come si vede, sono, da una parte le gaffes di Buccoliero; dall’altra, quel che più è importante, il fatto che l’Amministrazione di Collepasso da tempo lavora e si impegna seriamente per la costruzione del Palazzetto dello sport, ormai in dirittura d’arrivo. Grazie, comunque, cons. Buccoliero, per così tanta e “pelosa” attenzione! Certe figuracce, però, avrebbe potuto anche evitarle se si fosse adeguatamente e correttamente informato. Ci spiace, infatti, informarLa che i due consiglieri comunali di Collepasso che lei ha “conquistato” e che a lei oggi si richiamano, nell’unica occasione (Consiglio comunale del 1° luglio 2009, un anno fa!) in cui sono stati chiamati ad esprimersi sull’opera, non hanno votato favorevolmente alla sua realizzazione: uno era assente, l’altra si è astenuta… A parte velleità e ambizioni politiche e personali, oltre che capacità notevole di propagandare “fumo”, la coerenza e la serietà, a quanto pare, non sono di casa tra i “Moderati e Popolari” di Lecce e Collepasso…

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment