Perseguitava la ex : arrestato un uomo di Melendugno

L'uomo è stato arrestato con l’accusa di sequestro di persona, violenza privata, minacce e lesioni.

Nella mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Melendugno hanno arrestato Massimiliano Montinaro, trentanovenne del luogo, accusato dei reati di stalking, violenza privata, minacce, lesioni e sequestro di persona nei confronti della sua ex-compagna. Alla base di questi comportamenti, la fine non accettata da parte dell’uomo di una relazione durata circa tre anni. Era già da qualche tempo che la donna voleva troncare la relazione, ma fin da subito l’uomo aveva dimostrato di non accettare tale decisione. Le minacce iniziali si sono poi trasformate in vere e proprie persecuzioni: succedeva infatti che Montinaro si recasse nell’abitazione di Torre dell’Orso della ex usandole anche violenza fisica. In altre tre circostanze, prima dell’arresto della scorsa sera, gli atteggiamenti violenti e minacciosi dell’uomo erano stati oggetto di denuncia e sebbene ne fosse a conoscenza, essendo stato ammonito dal Comandante della Stazione, ha continuato imperterrito nei suoi comportamenti. Fino a quando, nel pomeriggio del 7 luglio, si è introdotto nell’abitazione della ex-compagna privandola delle chiavi di casa, del suo telefono cellulare e impedendole di uscire. Solo in serata, avuto il beneficio di uscire in compagnia del suo stesso carceriere, la donna aveva approfittato di un attimo di distrazione di Montinaro e, dapprima tramite il cellulare di un’amica incontrata e poi grazie all’aiuto del banconista di un bar, era riuscita a richiedere l’intervento dei militari. Montinaro è stato così arrestato con l’accusa di sequestro di persona, violenza privata, minacce e lesioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment