Centinaia gli pneumatici abbandonati nel capoluogo salentino

D'Agata (Idv): “Difficile punire i responsabili, ma i sindaci adottino ordinanze sanzionatorie”.

Lecce, zona 167/B, 3 luglio 2010. La periferia cittadina si riscopre simbolo di degrado e scarsa coscienza ambientale: centinaia di copertoni ovvero rifiuti speciali di non facile smaltimento giacciono ai margini della strada abbandonati ed in bella vista. Interviene a tal proposito Giovanni D'Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” dell'Italia dei Valori, il quale, pur comprendo le difficoltà nell’individuazione e punizione dei responsabili, rinnova ancora una volta l’invito a tutti i sindaci nel potenziare i servizi di vigilanza ambientale urbana e ad adottare ordinanze sindacali che puniscano in modo certo e deciso con sanzioni non inferiori ad € 500,00 nel minimo edittale, l’abbandono dei rifiuti in strada, poiché pare non resti altra soluzione che punire esemplarmente chiunque dovesse essere individuato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment