La notte bianca. Anzi verde

GUARDA IL VIDEO A Lecce per il consueto appuntamento con la notte più lunga dell’anno. Tante le novità per un’edizione più ambientalista che mai

Il mutamento della politica locale e nazionale nei confronti del paesaggio e le tante eco-lotte, che hanno avuto per protagonisti striscioni e fischietti, in vari focolai salentini, non potevano non trovare posto tra gli stand, le mostre e i banchetti della Notte bianca edizione 2010. A farsene portavoce il Forum Ambiente e Salute insieme a Biocontestiamo e ad altre organizzazioni locali ieri sera, presso la Piazzetta Greca, nei pressi di Santa Croce, chiedendo di lanciare un appello al Governatore della Puglia, in virtù dei suoi democratici poteri, affinché la poesia sia finalmente davvero nei fatti, come recitava uno degli slogan della sua ultima campagna elettorale regionale. Ad ogni partecipante, quindi, è stato consegnato il testo di una poesia, scritta e sottoscritta dagli ambientalisti della rete di comitati pro-natura di Biocontestiamo, da spedire al presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, dove si richiedeva semplicemente, in versi, di liberare la Puglia tutta dalla sua più grande urgenza: la nuova pericolosa “ideologia dell’energia”. “Non esiste energia elettrica pulita, ma solo forme meno sporche per produrla” -lamentano i biocontestatori- e scaturisce da qui quindi, dal loro accorato grido di denuncia, la proposta contenuta nella poesia per il presidente Vendola, affinché con la sua autorità fermi i cantieri dell’energia. Minimo comun denominatore della serata quindi: la salvaguardia dell’ambiente sotto tutti gli aspetti, insieme all’associazione Nuova Messapia e il meetup Salentini Uniti con Beppe Grillo di Lecce, che con il loro stand promuovevano il compostaggio domestico e la riduzione del rifiuto lanciando la campagna di promozione e sensibilizzazione “Compostiamoci Bene”, la cooperativa Cianfrusoteca di Salice Salentino, luogo per scambiare e barattare beni usati senza usare il denaro, dove l’inutile ritorna utile ed Ecolù Shop. E così grazie agli amici della natura, la notte bianca si è tinta di verde, un verde ambiente, ma soprattutto un verde speranza, affinchè l’uomo possa riappropriarsi del rapporto più autentico con lo spazio che lo circonda e comprenda che solo dalla natura può trarre salute, qualità di vita e felicità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!