Ance: workshop a Lecce sulle opportunità di lavoro in Libia

Focus sul settore delle costruzioni, dall'infrastrutturazione all'edilizia.

L'area del Mediterraneo riveste, ormai, un ruolo sempre più importante nel mercato internazionale, soprattutto per le imprese italiane. Secondo il rapporto Cresme sul mercato delle costruzioni 2010, le imprese italiane della filiera delle costruzioni che aggrediranno nuovi mercati, Egitto e Libia soprattutto, avranno in tempo di crisi una marcia in più. Le opportunità sono vere e concrete: dalla infrastrutturazione all'edilizia. E' necessario però avere partnership sul territorio ed un accompagnamento finanziario efficace. In questa ottica “Ance Lecce” ed “Ance Puglia” organizzano per il 6 luglio 2010 alle ore 15 presso l'”Hilton Garden Inn” a Lecce, un workshop sulle opportunità di lavoro in Libia per le imprese del settore dal titolo “Bacino Mediterraneo: dalla Libia opportunità per il Settore delle Costruzioni” Il Programma Saluti di Piero Montinari, Presidente Confindustria Lecce e di Alfredo Prete, Presidente Cciaa Lecce Introduce Nicola Delle Donne, Presidente Ance Lecce. Loredana Capone, Vice Presidente Regione Puglia interverrà su: Sviluppo dell'Internazionalizzazione nel bacino del Mediterraneo. La presentazione della Libia sarà a cura di Umberto Bonito, Direttore Ice Tripoli e di Paolo Greco, Managing Partner P&A Legal Tripoli. Maurizio Accinni, Responsabile Area Bnl e Bnp Paribas, e Pietro Pasqualucci, Global Network Manager North Africa Unicredit illustreranno il funzionamento del sistema bancario e finanziario libico. Carlo Neri, coordinatore Sud Italia Sace e Paolo Di Marco, responsabile Area Sud Simest offriranno utili suggerimenti in merito all’accompagnamento delle imprese. La testimonianza è di Carlo Ferretti, Comitato Lavori all'estero Ance. Le conclusioni sono affidate a Salvatore Matarrese, Vice Presidente Ance.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!