Aggressione ad un ausiliario del traffico. Condannati in tre

In tre avrebbero minacciato e aggredito un ausiliario del traffico, reo di aver mulatto l'auto di uno di loro. Il giudice gli ha condannati ad 1 anno 2 mesi

Sono stati condannati ad una pena di 1 anno e 2 mesi, dai giudici dai giudici della Seconda sezione penale del Tribunale di Lecce, Gregorio Nicolì, 22 anni, Alex De marco, 40, e Fabio Calò, 34, accusati di aver minacciato e aggredito un ausiliario del traffico in servizio presso il comando della polizia municipale di Lecce. I fatti risalgono al 4 marzo del 2006: i tre imputati, tutti originari di Surbo, avrebbero prima circondato M. N., in servizio quel giorno per le vie del capoluogo salentino, insultandolo e minacciandolo. Oggetto della discussione una contravvenzione che l’ausiliario aveva poco prima verbalizzato ai danni dell’auto di De Marco. Dalle parole (“non conti un cazzo, chi ti crede di essere”) il terzetto sarebbe ben presto passato alle vie di fatto. In particolare Nicolì, avrebbe “spintonato ripetutamente il pubblico ufficiale, strappandogli di mano il bollettario che conteneva anche la copia del verbale della contravvenzione dell’amico”. Una multa che è costata davvero a cara al gruppetto di amici, che oltre alla contravvenzione e alla condanna ad 1 anno e 2 mesi (il pubblico ministero, Giovanni De Palma, aveva chiesto una pena leggermente superiore) dovranno risarcire alla parte offesa, difesa dall’avocato Enrico Chirivì, anche una somma di 3mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!