Parabita: sparisce il centro informa giovani!

Bandi di concorso, formazione universitaria, formazione post laurea, stage, servizio civile, progetti culturali ed occasioni per il futuro dei nostri giovani, spariscono nel silenzio totale. Il Centro Informa Giovani del Comune di Parabita, invece di essere considerato il motore, che genera nuove opportunità per i nostri ragazzi, viene dimenticato dall’attuale maggioranza. Improvvisamente, le fila di ragazzi che sostavano nell’atrio comunale, antistante il “Centro Informa Giovani”, diventano un lontano ricordo. Le tante famiglie, che hanno usufruito dell’orientamento e tutoraggio universitario, perdono un importante punto di riferimento. Evidentemente, gli strumenti di politiche giovanili, che formano ed orientano la futura classe dirigente, non rientrano nelle priorità della maggioranza. Uno dei volani di sviluppo del territorio, sparisce improvvisamente, restando chiuso. In questo periodo di esami, decine e decine di giovani parabitani, si stanno confrontando con gli esami di maturità. La scelta, di “cosa poter fare il giorno dopo”, ha una grande importanza. Pensiamo al futuro di questi ragazzi e diamo loro la possibilità di saper scegliere bene e con consapevolezza. Speriamo, che l’atto di sacrificare l’apertura del Centro Informa Giovani, non sia frutto della brutta abitudine politica italiana, di agire solo se si è davanti ad un “ritorno elettorale”. Il futuro del nostro comune passa anche attraverso il rilancio delle politiche giovanili. Pertanto, chiediamo alla maggioranza di restituire alla cittadinanza il “Centro Informa Giovani”, che tanto ha saputo dare e tanto potrà dare al futuro dei nostri figli. Marco Cataldo Gruppo Consiliare “BENE COMUNE”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!