Ancora turbolenze

Quando la tempesta arriva in Africa

Se ci attardiamo sulle turbolenze climatiche forse è a causa della dura invernata e della primavera non tanto più dolce che ci lasciamo alle spalle. Ma la tempesta in musica è un tema succulento sin dai tempi in cui la chiamavano “orrida procella”; serviva ad agitare l’orchestrazione e a sbatacchiare le ugole di tenori, soprani e castrati. Nel “Giulio Cesare” di Händel, Cleopatra paragona il cuore a una barca che, mezza scassata, giunge in porto dopo tante tempeste. La flotta di Cesare arriva veramente a salvarla dalle grinfie di Tolomeo, e Danielle De Niese è così contenta che la regia di David McVicar decide di far incazzare i cultori del genere “cantante d’opera che come scoglio immoto resta”. Cambiando lido, in quest’altra “turbulensa” orchestrata di chitarre, congas, cajón, shakers, rullanti e campanacci, il marinaio canta per trasformare il temporale in poesia. Ammiraglio di bordo è la capoverdiana Mayra Andrade, cioè una sirena con la voce velata di “amargura” come Penelope. Dicono i filosofi che con Ulisse sia nata la figura del compassato ascoltatore occidentale: non rinuncia al canto, ma mantiene le distanze. Con Mayra è difficile restar fermi anche legati al palo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!