Nasce a Casarano il museo delle stelle

E’ il primo museo dell’Astronautica in Puglia e in tutto il Sud Italia. E’ stato inaugurato nei giorni scorsi dall’Asla, associazione astronomica San Lorenzo

L’affascinante storia dell’Astronautica e dell’esplorazione dello spazio ha ora il suo luogo-culto. L’Asla (associazione astronomica San Lorenzo) ha inaugurato nei giorni scorsi il “Museo del Cosmonauta”, situato a Casarano presso la sede dell’associazione, in via Agnesi 1, alle spalle dell’ospedale civile “Ferrari”. Il museo, il primo dedicato all'Astronautica in Puglia e in tutto il sud Italia, si estende per 130 mq e “ospita” testimonianze dalle prime esplorazioni dello spazio al primo uomo sulla Luna, ad oltre mezzo secolo dallo “Sputnik 1”, a poco più di 40 anni dall'epopea dell'”Apollo 11”. L’allestimento dell’Asla contiene gigantografie delle foto storiche delle missioni “Apollo”; la sezione dedicata al programma “Apollo”; il mito di Yuri Gagarin, il primo uomo che ha esplorato lo spazio; testimonianze e documenti sullo “Space Shuttle”; una sezione dedicata all’astro-fotografica con foto originali; modellini, riproduzioni e descrizioni delle prime sonde spaziali; il programma spaziale della Nasa, l’agenzia statunitense; il Sistema Solare in scala tridimensionale e tanto altro. Il “Museo dell’Astronauta” incorpora anche una sala per video-proiezioni su maxi-schermo in 3D con l'ausilio di occhiali appositi. Da segnalare che annesso al “Museo dell’Astronauta” c’è sempre l’osservatorio astronomico “San Lorenzo” che è stata la prima attività dell’associazione casaranese, presieduta da Giuseppe De Filippi. Per trascorrere una serata unica, con un “tuffo” tra le stelle, pianeti, satelliti, nebulose e tutto ciò che riguarda l’Astronomia e l’Astronautica è sufficiente visitare il museo di Casarano. Da oggi, tra l’altro, l’osservatorio rimarrà aperto per tutta la stagione estiva (per info e prenotazioni: 328.8356836; [email protected]).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!