Mare grosso. In difficoltà tre sub

Il pronto intervento della Guardia costiera di Gallipoli ha permesso di evitare il peggio; i tre membri dell’equipaggio sono stati condotti a riva sani e salvi

Se la sono vista brutta, sabato sera, tre persone di età compresa tra i 24 ed i 39 anni, tutte originarie di Gallipoli, finiti alla deriva al largo dell’isola di Sant’Andrea a bordo di un piccolo natante. I tre erano usciti nel primo pomeriggio per una battuta di pesca subacquea. Sorpresi dal repentino cambiamento delle condizioni meteo marine che hanno portato ad un ingrossamento del mare con onde alte fino a 4 metri ed un forte vento di ponente, i tre sub si sono trovati in difficoltà di manovra con la piccola imbarcazione, andando quindi alla deriva senza riuscire a raggiungere il porto di Gallipoli. Infatti, essendo andato in avaria il motore fuoribordo, i malcapitati diportisti non avevano potuto neppure contare sull’ausilio dei remi per tentare di scostarsi dagli scogli dell’isola di Sant’Andrea ove il vento ed il mare li spingevano. Il comandante del mezzo aveva infatti omesso di portare i remi a bordo, dimenticanza che avrebbe potuto costargli cara. Raggiunto in tempo il natante alla deriva ed ormai prossimo ad impattarsi sulle rocce dell’isola, un battello della Capitaneria di Porto di Gallipoli ha provveduto a trasbordare e mettere in salvo i tre uomini; le condizioni meteo marine non consentivano infatti un rimorchio sicuro del natante fino al porto di Gallipoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!