Gallipoli calcio. Un’associazione per salvarlo

Nell’assemblea dell’associazione “Il Mio Gallipoli” che si è tenuta ieri Attilio Caputo ha garantito un impegno personale di 50mila euro. Ma i fondi da reperire sono ancora tanti

Si è riunita in assemblea ieri mattina presso l'oratorio della parrocchia di San Lazzaro l'associazione “Il Mio Gallipoli“. Nella sala erano presenti almeno un centinaio di cittadini tra cui il patron del Premio Barocco Fernando Cartenì, il presidente del club Inter Emanuele Barba, il presidente dell'associazione ”Gallipoli NostraFrancesco Fontò, l'imprenditore Antonio Calvi e numerosi professionisti. Attilio Caputo ha presentato l'associazione che si prefigge lo scopo di salvare il calcio gallipolino garantendo un impegno personale di 50mila euro e Sergio Mello ha precisato che ci sono poche possibilità di far partecipare il Gallipoli al campionato di Prima Divisione ma che invece è realistica la possibilità di partecipare a quello di serie D. A questo obiettivo servono 300mila euro quale cauzione a fondo perduto e 50mila euro di iscrizione; a queste somme va aggiunta quella di circa un milione di euro necessaria per la gestione della squadra. La scadenza ultima per mettere su i fondi è fissata al 15 luglio quando scadranno i termini per l'iscrizione. Crescono intanto le adesioni (ogni quota è di 100 euro) all'associazione. Gli intervenuti all’assemblea di ieri hanno criticato l'assenza dei rappresentanti del'amministrazione comunale. La riunione è stata aggiornata a domenica prossima per fare il punto su adesioni e raccolta fondi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!