Abusi sull’ex. Poi tenta di uccidersi

Non aveva preso bene la decisione della compagna di interrompere la relazione. L’ha prima violentata ed ha poi tentato di ucciderla e togliersi a sua volta la vita

Dopo due anni di convivenza, la sua compagna aveva deciso di interrompere la relazione per via di problemi che si protraevano già da tempo. Ma lui, Giampiero Morello, 46enne nativo di Lecce, non aveva preso bene la decisione ed aveva assunto atteggiamenti a tratti violenti, percepiti in alcune circostanze anche dai vicini di casa. Per dare un taglio deciso alla storia la donna si era anche allontanata da Merine trascorrendo qualche giorno in provincia di Reggio Emilia dove risiedono alcuni parenti, però, per esigenze lavorative non aveva potuto trattenersi oltre e dopo una decina di giorni ha dovuto fare ritorno. Ad attenderla ha trovato il suo ex che nella sua assenza si era stabilito nella cantina dell’abitazione della donna. Nuove richieste, anche violente, di riprendere la relazione, fino a che nel pomeriggio di sabato la donna si è trovato l’uomo in casa, ai piedi del letto dove stava riposando. Spaventata, l’ha invitato ad andarsene ma senza esito. Anzi, l’effetto del suo invito è stato tutt’altro: l’uomo ha abusato sessualmente di lei e poi ha cercato di toglierle la vita strangolandola. Credendola morta è uscito di casa chiedendo l’intervento di un vicino che si è rivelato decisivo per far rinvenire la donna. Il vicino di casa, dopo averla rianimata, ha infatti dato l’allarme. Morello è stato rintracciato poco dopo sul terrazzo di un palazzo in via Imperatore Adriano a Lecce. Ai militari del Nucleo Radiomobile che l’hanno raggiunto oltre il 6° piano della palazzina fin sul parapetto da cui si sporgeva quasi nel vuoto ha detto di volerla fare finita perché questa volta sarebbe stato arrestato. I carabinieri sono riusciti a convincerlo a desistere ed a riportarlo all’interno del muro perimetrale. Una volta in salvo, l’hanno tratto in arresto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!