Atmosfera newyorkese con Varèse e Bernstein

Da domani il via alla stagione sinfonica estiva a cura della Fondazione “Ico”. Fino a fine luglio concerti di musica classica ma anche jazz, ritmica afro-cubana, musical e musica da film

Nuova location per l’Orchestra Sinfonica “Ico”. Sette appuntamenti di tutto spessore per la stagione sinfonica estiva. Appuntamenti che saranno ospitati nello splendido cortile del Rettorato. Si parte venerdì 18 giugno con le musiche di Edgar Varèse e di Leonard Bernstein, con la direzione di Marcello Panni, che è anche direttore artistico e principale dell’Orchestra della Fondazione “Ico”, e con il soprano Nila Masala e il tenore Leonardo Gramegna. All’appuntamento con Varèse venerdì ascolteremo “Deserts” per orchestra di fiati, pianoforte e percussioni, mentre con Bernstein “West Side Story, suite n. 1” e “West Side Story, ouverture”. “America & America” è il titolo per i sette appuntamenti. Come dice il maestro Marcello Panni: “vogliono essere un sintetico omaggio non tanto al Nord e Sud America, quanto a due anime musicali a confronto come quella made in Usa e quella latino-americana”. “Dalla metà del XX secolo a oggi – continua poi il maestro – la musica classica europea ha perso il suo predominio indiscusso e l’influenza proveniente dal Nuovo Continente si è fatta sempre più prepotente. Si spazierà dal jazz alla ritmica afro-cubana, dal musical alla musica da film, dalla musica aleatoria a quella ripetitiva, dal tango al rock. Non c’è aspetto della musica d’oggi nel mondo che non risenta dell’influsso americano. Bernstein e Piazzolla, Ginastera e Barber, Villalobos e Gershwin, Varese e Revueltas si confronteranno con i contemporanei, come il messicano Trigos, l’argentino Bacalov o la compositrice americana Mary Jane Leach”. Ed ecco gli altri appuntamenti: 24 giugno, con musiche di Villalobos, Ginastera, Dvorak, direttore Pedro Calderon; 2 luglio con musiche dedicate al Mexico, di Enriquez, Trigos, Revueltas, direttore Juan Trigos; 8 luglio musiche di Bacalov e Astor Piazzolla dirette da José Maria Sciutto. Il 15 luglio ci sarà il maestro Panni e il pianista Emanuele Arciuli e si spazierà da Gershwin a Barber, Mary Jane Leach; il 23 luglio concerto gospel; infine il 31 luglio ci sarà la proiezione del film “Luci della città” di Charlie Chaplin, con l’esecuzione delle musiche originali di Chaplin dal vivo sotto la direzione di Timothy Brock.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!