Referendum su biomasse. De Masi non risponde a Venuti

A Casarano l’opposizione continua a chiedere a gran voce il referendum popolare sulle biomasse ed accusa l'amministrazione di “troppo formalismo”

Mentre l’amministrazione comunale di Casarano e il sindaco Ivan De Masi non rispondono (per il momento?) alle interessanti considerazioni di Remigio Venuti, capogruppo consiliare del Partito Democratico, la proclamata inammissibilità da parte di Giovanni Pino, presidente della commissione “Affari istituzionali”, del referendum sulla centrale a biomasse si pone al centro del dibattito politico. Come l’ex sindaco Venuti, anche i due gruppi consiliari di minoranza, Pdl e Cdc, chiedono che si trovi una formula per far svolgere la consultazione referendaria e far scegliere i cittadini. “Alla luce delle dichiarazioni dello zelante presidente – si legge nella nota dell’opposizione – troppo ingessato nelle fredde norme statuarie, ci chiediamo come si pongano le forze politiche, Partito Democratico, Udc, [email protected]à,Io Sud, che in campagna elettorale e in diverse occasioni hanno ribadito la ferma volontà di far espletare il referendum permettendo ai cittadini di esprimersi. Ci chiediamo – prosegue la nota – il deliberato di un Consiglio comunale, espressione indiretta della volontà popolare, non ha più nessun valore in questa città?” “E la volontà di oltre 6.000 cittadini – si domanda ancora la minoranza consiliare – firmatari di un appello per la tutela dell’ambiente e della salute a Casarano e nel Salento, non merita il giusto rispetto e le giuste risposte da parte delle forze politiche che siedono in Consiglio? I gruppi consiliari del Centro Democratico Cristiano e del Popolo della Libertà hanno sottolineato da subito che l’unico obiettivo del sindaco era ed è la realizzazione della centrale dell’azienda di famiglia; alla luce del clima di profonda divisione che si è venuto a creare nella nostra città – conclude la nota – le forze politiche vogliono tornare a svolgere con responsabilità il mandato affidato dagli elettori, mettendo al centro il bene comune e non facendosi condizionare in alcun modo da interessi privati”. La nota del Pdl-Cdc precisa, inoltre, che il presidente della commissione “si è preoccupato essenzialmente dei formalismi legati allo svolgimento dei referendum consultivi (quorum, tempistica, etc.) non avendo la sensibilità e la correttezza istituzionale di informare i consiglieri componenti delle eventuali problematiche inerenti il referendum legato alla centrale a biomasse della Italgest”. Nei giorni scorsi, a conclusione dei lavori della commissione, il presidente Pino aveva sostenuto che il referendum sull’impianto a biomasse era inammissibile, in quanto il regolamento comunale deve sottostare alle condizioni imposte dalla legge, in questo caso dal Tuel (testo unico enti locali). Per un impianto a biomasse della potenza di 25 MW, secondo l’interpretazione della commissione, il Comune di Casarano non potrebbe indire un referendum perché l’autorizzazione per simili impianti spetta alla Regione e non al Comune.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!