Naufragi solitari

Bracciate funky e approdi inattesi per Loredana Bertè e Paolo Conte

Se gli affondamenti collettivi, rinarrati, assumono sempre un sapore di ideologia, di visione globale delle cose, le bracciate solitarie in mare avverso sanno invece di esistenzialismo post-ideologico. Loredana Bertè, in un funky di Lavezzi-Pace-Avogadro che si affacciava prepotente negli ‘80, lo diceva chiaro e tondo: siamo figli dell’ideologia, coi tranquillanti in farmacia, e ci ritroviamo in alto mare. Ma c’è un che di sportivo, di elettrizzante, nell’andare su e giù con le onde che ti mozzano il fiato. Sempre meglio che dirsi: non si vola più, fine del giro. Più ottimista, a suo modo, Paolo Conte. Cade dalla nave proprio mentre a bordo c’era il ballo e lei danzava stretta stretta all’altro. Quando la nave è ormai una lucciola persa nel blu e le speranze si apprestano a svanire all’orizzonte, lui approda su un’isola con palmizi, clima dolce e virtù che rimano con bambù. Si sa che Conte è stato a lungo anonimo autore altrui e poi, come in un riscatto mitico, si è ripreso le canzoni cantandole a suo modo. Ma qui l’intervento più delizioso è il trombone di Dalla, mentre il Bruno Lauzi del ’74 mantiene il suo smalto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!