La vergogna italiana dello spreco d'acqua

La Puglia è la regione dove si è registrata nel 2008 la più alta percentuale di dispersione di acqua immessa in rete (46,6%)

Sono stati pubblicati i dati sul consumo d’acqua per uso domestico: le città più “sprecone” nel 2008 sono state Pescara (90,7 metri cubi per abitante), Roma, Brescia e Torino, mentre Foggia (circa 46 metri cubi/abitante) insiema a Potenza, Taranto, Campobasso e Bari le più accorte. Questo anche perchè i nostri centri urbani subiscono da anni misure di razionamento nell’erogazione dell’acqua per uso domestico. La Puglia tuttavia, assieme a Sardegna, Molise ed Abruzzo, è la regione dove si è registrata nel 2008 la più alta percentuale di dispersione di acqua immessa in rete (46,6% nell’Ambito Territoriale Ottimale pugliese), mentre, tra i singoli capoluoghi, spiccano, sempre nel 2008, Pescara e Campobasso (poi Bari al 51%). Le dispersioni sono causate, rileva l’Ispra, non solo da effettive perdite ma anche dalla necessità di garantire continuità di afflusso e dal mancato adattamento delle quantità immesse alle esigenze stagionali. Infine, è stata analizzata la qualità delle acque di balneazione: nella maggior parte delle province considerate essa risulta essere elevata (media di balneabilità nazionale è del 96%).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!