Al via la conferenza nazionale dei CPT

Lecce ospita per la nona conferenza nazionale dei Comitati Paritetici Territoriali: la sicurezza sul lavoro è il tema centrale

Con il commuovente omaggio di ieri sera alla memoria del giornalista Michele Frascaro si è aperta ufficialmente la nona conferenza nazionale dei Comitati Paritetici Territoriali organizzata a Lecce dalla Commissione Nazionale per la prevenzione infortuni, l'igiene e l'ambiente di lavoro per le attività in edilizia e dal Cpt della provincia di Lecce con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Lecce, Camera di Commercio di Lecce e Inail, in collaborazione con il Coordinamento Regionale dei Cpt Puglia. Nelle giornate di oggi e di domani i lavori entrano nel vivo: presso il Castello Carlo V di Lecce è prevista la presenza tra gli altri di Maurizio Sacconi (Ministro del Lavoro), Raffaele Fitto (Ministro degli Affari Regionali), Paolo Buzzetti (Presidente ANCE), Antonio Correale (Segretario Generale FENEAL-UIL), Walter Schiavella (Segretario Generale FILLEA-CGIL), Domenico Pesenti (Segretario Generale FILCA-CISL), Marco Fabio Sartori (Commissario INAIL), Antonio Moccaldi (Commissario ISPESL), Marco Masi (rappres. COORD.TECN.REGIONI), Luisa Todini (Presidente FIEC), Rolf Gehring (rappres. Sindacato europeo), Daniele Becci (Presidente CNCPT), Piero Leonesio (Vice Presidente CNCPT), Ginello Di Camillo (Ufficio di Direzione CNCPT), Valentino Nicolì (Presidente CPT di Lecce), Alessio Colella (Vice Presidente CPT di Lecce). Interverranno, per un saluto, anche: Mario Tafaro (Prefetto di Lecce), Nichi Vendola (Presidente Regione Puglia), Antonio Gabellone (Presidente Provincia di Lecce), Paolo Perrone (Sindaco di Lecce) e Alfredo Prete (Presidente CCIAA Lecce).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!