6.000 firme contro Heliantos 2

Consegnate in Prefettura a Lecce 6mila firme di protesta contro Heliantos 2 raccolte dal coordinamento intercomunale “No alla Centrale

Il Coordinamento Intercomunale “No alla Centrale” – cui aderiscono la LILT di Lecce, i gruppi politici del PDL, del CDC, del SEL e di IdV di Casarano, il Comitato Energia Ambiente e Vita, Cittadinanzattiva, l’associazione Grande Salento, il comitato cittadino Tutela Ambientale, Idee Insieme, Io Conto (Ugento), Legambiente, WWF, I Paladini di Via Messina (Casarano), il forum Ambiente e Salute (Lecce) e numerose altre associazioni – ieri hanno consegnato in Prefettura a Lecce le prime 6.000 firme relative alla petizione contro la centrale elettrica a biomasse Heliantos 2 che dovrebbe sorgere sul suolo casaranese. Per settimane i fogli di raccolta firme sono circolati di famiglia in famiglia tra i paesi del circondario di Casarano, fino a far sottoscrivere a 6.000 cittadini un “Appello per la tutela dell’ambiente e della salute nel Salento” rivolto al Prefetto di Lecce, al sindaco di Casarano e al Consiglio Comunale di Casarano, segnale della preoccupazione e dell’allarme con cui i cittadini seguono la vicenda della centrale di Casarano. Il testo dell’appello riportava la dicitura: “I sottoscritti cittadini, preso atto del procedimento amministrativo che prevede l'installazione di una centrale a biomasse della potenza di 25 MW nel territorio di Casarano, con grave rischio per la sostenibilità ambientale e per la salute della popolazione residente nel comprensorio, CHIEDONO alle S.S. L.L. che tale procedimento sia arrestato, al fine di scongiurare l'ennesimo disastro ambientale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!