Cavallino. “Siamo pronti alla disobbedienza civile”

Questa mattina intorno alle 10.00, si è svolto il sit-in di protesta a Cavallino, proprio sul luogo in cui è prevista la centrale, animato da cittadini e istituzioni “pronti alla disobbedienza civile”

E la protesta contro la nascita della centrale a biomasse a Cavallino continua. Questa mattina si è svolto il sit- in proprio sul luogo in cui è prevista la centrale, animato da cittadini e istituzioni “pronti alla disobbedienza civile”. A scendere in piazza i sindaci di S. Cesareo, S. Donato e Lizzanello, presente alla protesta anche Donato Pellegrino, consigliere regionale, che ha bollato l’affare come “ un’operazione criminale volta solo al profitto”. L’affare in questione? La nascita, nei pressi della discarica di Cavallino, di una centrale elettrica da trentasette megawatt, che brucerà olii provenienti dal Madagascar, Senegal e Laos. Una delle centrali a biomasse più grandi di Puglia quindi, ad appena cinquecento metri dalle prime abitazioni che saranno travolte in pieno dalle emissioni. Simbolico il ritrovarsi proprio “sul luogo del delitto” ora zona agricola coltivata ad orzo e ad ortaggi, ma presto zona industriale, dove s’insedierà, lungo il confine, un complesso energetico che comprenderà una seconda centrale a combustione solida – idonea anche alla combustione del combustibile derivato da rifiuto- (sempre ad opera della stessa ditta, la TG Energie Rinnovabili di Ravenna). Trattasi di uno stabilimento per il trattamento della parte umida dei rifiuti, nonché un impianto industriale per la produzione di idrogeno. Ecco perché la manifestazione è stata così sentita e partecipata, nonostante il giorno di festività: trecento circa i presenti, animati ma pacifici, pronti a far valere le proprie ragioni, soprattutto perché il tempo a disposizione ormai stringe, entro l’8 giugno, infatti, si dovrà chiudere il procedimento della seconda Conferenza dei servizi, da cui dipenderà anche la decisione del Tar, a cui hanno fatto ricorso i comuni di San Donato e San Cesario, coadiuvati dalla Provincia di Lecce. Domani si riunirà, infatti, la Commissione ambientale della Provincia. E il No alla centrale non si ferma qui: domenica, 6 giugno, ci dà appuntamento, dalle ore 19.30, in piazza a Cavallino, dove interverranno anche Giuseppe Serravezza, presidente Lilt, e Nando Blasi dei Sud Sound System.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!