Arnesano. I carabinieri chiudono una casa per anziani

Ritornati a “Villa Cristina” dopo un anno, i militari hanno riscontrato condizioni ancora peggiori di quelle rilevate nel precedente controllo ed hanno disposto l’immediata cessazione dell’attività

Sono ritornati nella struttura di accoglienza dopo un anno per verificare se i provvedimenti intimati lo scorso anno tramite ordinanza sindacale fossero stati effettivamente presi. Brutta sorpresa, ieri mattina, per i militari della Stazione carabinieri di Monteroni di Lecce unitamente a personale specializzato del Nas di Lecce, impegnati in un’ispezione presso la casa di cura “Villa Cristina” di Arnesano, la struttura autorizzata ad esercitare l’attività di assistenza nei confronti di anziani autosufficienti. A distanza di un anno la situazione riscontrata era perfino peggiore rispetto a quanto già rilevato: otto gli anziani ospiti della struttura alcuni dei quali non autosufficienti per patologie ed età avanzata; una sola persona assunta e trovata ad assistere gli anziani presenti; totale assenza di personale con qualifiche adeguate per l’assistenza degli ospiti e condizione strutturale degli ambienti pregiudicata da infiltrazioni d’acqua nei locali non adeguati, pertanto, alla permanenza di persona anziane. Constatato lo stato dei luoghi ed accertata la inottemperanza a quanto in precedenza ordinato i carabinieri hanno disposto l’immediata cessazione dell’attività. Gli ospiti, grazie all’intervento dei servizi sociali del Comune, sono stati indirizzati verso altre strutture della provincia in grado di accoglierli in maniera adeguata alle loro necessità sia dal punto di vista della qualifica del personale deputato all’assistenza sia dal punto di vista strutturale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!