Casarano. Ambulanza in panne

Durante il trasferimento di un paziente verso un altro ospedale, uno dei mezzi di soccorso del “Ferrari” è rimasto bloccato per ore in una piazzola di sosta per un guasto al motore

L’ennesimo guasto a una ambulanza del presidio ospedaliero “Ferrari” di Casarano diventa un caso politico. Nei giorni scorsi, infatti, durante il trasferimento di un paziente da un nosocomio all’altro della regione, uno dei mezzi di soccorso è rimasto bloccato, in una piazzola di sosta, per alcune ore, a causa di un problema al motore. Non è la prima volta che i mezzi del pronto soccorso del “Ferrari”, ormai obsoleti, si fermano per problemi meccanici. Sulla vicenda è intervenuto il consigliere regionale e portavoce di Alleanza Puglia, Antonio Buccoliero. “Mi chiedo – scrive in una nota l’esponente politico – di fronte all’ennesimo episodio di inefficienza di alcune autoambulanze dell’ospedale di Casarano, quanto utili sarebbero stati gli otto milioni di euro necessari a sostenere i sette amministratori voluti dal Governatore. A porsi questa domanda – prosegue Buccoliero – è soprattutto il personale sanitario, che ha dovuto attendere alcune ore, in una piazzola di sosta, per l’ennesima e prevista avaria di un mezzo di quel nosocomio. Molti automezzi, infatti, annoverano chilometraggi indicibili che, per via delle frequenti riparazioni, paradossalmente costano all’Asl più dei mezzi nuovi. Mi richiedo, allora – conclude Buccoliero – quando il Governatore si occuperà dei problemi della Puglia? Ma forse le autoambulanze della Sardegna ne hanno più bisogno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!