Furto in supermercato. Lo incastrano le telecamere

Davide Bleve, un 38enne di Alessano già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato per furto dai Carabinieri di Salve

Da giorni il titolare di un supermercato di Salve si era insospettito per l’ammanco di diverse bottiglie di superalcolici dagli scaffali del suo negozio, parallelamente alla presenza nello stesso di un uomo sospetto che, nonostante il caldo di questi giorni, circolava fra i reparti indossando un pesante giubbotto. Allertato dai fatti, il commerciante ha prontamente avvisto i Carabinieri della Compagnia di Salve, i quali sono intervenuti quando l’uomo “freddoloso” ieri pomeriggio si è ripresentato all’interno del supermercato. Arrivati sul posto, i militari hanno individuato l’avventore in Davide Bleve, un 38enne di Alessano già noto alle forze dell’ordine, e una volta perquisito hanno rinvenuto addosso allo stesso una decina di bottiglie di superalcolici di marche prestigiose e molto costose. Alla richiesta di spiegazioni, l’uomo ha riferito di averle appena acquistate all’interno del supermercato dove aveva dimenticato lo scontrino fiscale, ma tale versione, prontamente smentita dal commerciante, è letteralmente affondata quando, visionati i filmati delle telecamere di sorveglianza poste all’interno del negozio, le immagini hanno mostrato Bleve intento a girare fra gli scaffali prestando più attenzione al posizionamento delle telecamere che alla merce in vendita quindi, dopo aver caricato sul carrello la “spesa”, lo si è visto mettersi in un luogo raggiunto solo in parte dall’occhio elettronico dove ha rapidamente infilato le bottiglie sotto il giubbotto per poi avviarsi verso l’uscita del supermercato. In una stradina laterale poco distante dal negozio, inoltre, i Carabinieri hanno rinvenuto il ciclomotore dell’uomo sul quale c’era un borsone nero contenente un’altra dozzina di bottiglie, frutto di una precedente visita al supermercato. Condotto in commissariato, Bleve è stato dichiarato in arresto per furto aggravato ed è stato condotto presso Borgo San Nicola a Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!