Undici nuovi film per il circuito d’autore

L’Apulia Film Commission sceglie i nuovi film in distribuzione nel circuito regionale d’autore. Tra essi “La nostra vita” e “Draquila” candidati alla Palma d’Oro a Cannes

Apulia Film Commission offre l’occasione di vedere nel circuito di sale cinematografiche “D’autore” i migliori film in distribuzione. Undici le pellicole proiettate nelle sale del circuito regionale da oggi e fino al 27 maggio, tra queste due film italiani in concorso per l’ambita Palma d’Oro alla 63esima edizione del Festival di Cannes: “La nostra vita” e “Draquila”. “La nostra vita”, l’ultimo film di Daniele Luchetti che vanta la partecipazione di Elio Germano, Raoul Bova, Isabella Ragonese e Luca Zingaretti, sarà in proiezione nelle sale D’autore di Andria, Mola, Corato, Barletta e Polignano. Il docu-film “Draquila” di Sabina Guzzanti ha partecipato all’ultima edizione della Croisette-sezione Special Screenings e dopo aver sollevato un polverone politico ed entusiasmato la critica internazionale, la pellicola ha convinto anche il pubblico italiano, tanto da posizionarsi nella prima settimana d’uscita al terzo posto negli incassi complessivi e al secondo come medie copie. Da questa settimana sarà visibile per D’Autore nelle sale d’essai di Taranto e Barletta. Gli altri film che da questa settimana circoleranno nelle sale del Circuito sono: “Gli amori folli” di Alain Resnais, grande maestro del cinema francese, a Santeramo; “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti a Lecce e Massafra; “Cosa voglio di più” di Silvio Soldini a Bovino, San Giovanni Rotondo e Castellana; “Sotto il Celio Azzurro” di Edoardo Winspeare a Calimera; “Fantastic mr. Fox” di Wes Anderson a Cerignola; “Non è ancora domani – La Pivellina” di Tizza Covi e Rainer Frimmel a Bari; “Il piccolo Nicolas e i suoi genitori” di Laurent Tirard a Crispiano; “Cella 211” di Daniel Monzón a Cerignola; “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek a Terlizzi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!