Energie alternative. La Provincia: Serve una pianificazione

Il presidente Gabellone e l’assessore Stefàno hanno consegnato ieri ai sindaci salentini la delibera di Consiglio con gli indirizzi per la progettazione urbanistica ed energetica

Fare il punto sulla realizzazione di impianti da fonti energetiche alternative. Era questo l’obiettivo alla base dell’incontro convocato ieri da Antonio Gabellone e Gianni Stefàno, rispettivamente presidente della Provincia di Lecce ed assessore provinciale alle Politiche energetiche, presso la sala consiliare di palazzo dei Celestini. Alla riunione sono stati chiamati a partecipare i sindaci dei Comuni salentini. A loro è stata consegnata ai Comuni presenti – agli assenti verrà inviata – la deliberazione di Consiglio provinciale che dà ai Comuni gli indirizzi per formare strumenti di pianificazione urbanistica o redigere varianti agli strumenti in vigore, che disciplinino l’installazione di impianti fotovoltaici in zona agricola, sia di potenzialità uguale o inferiore a 1 mw (soggetti a dia), sia di potenzialità superiori (soggette ad autorizzazione unica). “Ho esposto le possibilità offerte dal Patto dei sindaci proposto dall’Unione europea – ha dichiarato Stefàno –, che rappresenta un’adesione delle amministrazioni locali alle politiche europee in tema di sviluppo sostenibile. Ho inoltre invitato le amministrazioni ad aderirvi, in maniera da attuare le politiche stesse dell’Ue, che si prefiggono entro il 2020 una riduzione del 20 per cento dei gas serra, un aumento del 20 per cento di utilizzo di energie rinnovabili e di un ulteriore 20 per cento in materia di efficienza energetica”. L’incontro ha fornito anche l’occasione ad alcuni Comuni come Diso, Neviano e Campi, per esporre specifiche problematiche riguardo all’eolico, al fotovoltaico e alle biomasse. La discussione si è conclusa con l’auspicio da parte di Gabellone di raggiungere una visione di insieme delle problematiche in materia energetica, al fine di costituire un unico indirizzo da proporre nelle sedi opportune.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!