Biomasse a Casarano. Sel ed Idv dal prefetto

“Il prefetto verifichi di persona il clima poco sereno ed il conflitto di interessi del sindaco di Casarano“. Sel ed Idv in riunione in Prefettura

Non si placa il dibattito attorno al tema della realizzazione di un impianto a biomasse a Casarano né si fermano le iniziative organizzate da cittadini o gruppi politici “pro” e “contro”. Lo scorso giovedì una delegazione di Sel ed Idv di Casarano è stata ricevuta da Luigi Armogida, viceprefetto di Lecce. Durante l’incontro, protrattosi per oltre un’ora, che è seguito ad una lettera inviata direttamente all'attenzione del prefetto, i gruppi politici casaranesi hanno posto all’attenzione del viceprefetto quella che considerano la “grave emergenza democratica che da qualche settimana si vive a Casarano”, evidenziando “il conflitto di interessi nel quale versa il nostro sindaco e le dichiarazioni dello stesso, inerenti il progetto denominato ‘Helianthos 2’ che prevede la realizzazione di una centrale a biomasse da parte del gruppo Italgest”. La delegazione ha inoltre rilevato alcuni episodi “che lasciano presupporre un clima poco sereno all’interno della città, al limite dell’intimidazione”. L’incontro si è concluso con la decisione di informare il prefetto di quanto discusso e la richiesta che, verificate personalmente le situazioni descritte, questi provveda ad adottare le azioni che più ritenga opportune al fine di garantire un sereno e leale confronto tra i cittadini proprio in merito al progetto “Helianthos 2”. // Tutte le voci del dibattito sulle biomasse e sul presunto conflitto di interessi del sindaco Biomasse a Casarano. Schirinzi invita alla precauzione Pantaleo Gianfreda e le dichiarazioni di Remigio Venuti Energia. Venuti: “Il Salento chiede una pianificazione energetica” Biomasse a Casarano. Sel ed Idv: “Conflitto di interessi”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!