Un COM per affrontare le emergenze

Parte dal COM di Calimera il progetto innovativo di coordinazione degli interventi a livello intercomunale nel caso di emergenze ambientali

Il Centro Operativo Misto di Calimera ha avviato in collaborazione con Spacedat Srl un progetto per la creazione di un centro operativo intercomunale pilota, con l’obiettivo di dare vita ad un’innovativa esperienza di protezione civile a livello nazionale. Il COM comprende nove paesi della provincia di Lecce (Calimera, Carpignano S., Martano, Martignano, Melendugno, Sternatia, Soleto, Vernole e Zollino) e vuole essere un esempio di efficacia operativa e di coordinamento basato sull’uso di tecnologie innovative e di un approccio partecipato, mirato alla generazione di una nuova e diffusa coscienza di protezione civile. Il progetto consiste nell’attivazione formale e operativa di un organo provvisorio attivato congiuntamente dalla Prefettura e dalla Provincia quando si verifica un'emergenza di una tale gravità da richiedere il coordinamento degli interventi a livello intercomunale. Nell’ambito del progetto sono stati organizzati una serie di eventi. Il primo, “Formazione COM”, si terrà nel palazzo Palmieri a Martignano il 20 e 21 maggio, e sarà mirato a creare sul proprio territorio soggetti qualificati per affrontare situazioni di emergenza di livello intercomunale. Seguirà il 22 maggio presso l’oasi naturale “le Cesine” a Vernole la simulazione di uno scenario di rischio incendio boschivo che testerà il modello di intervento, l’operatività del COM, il sistema di comunicazione tra il Centro operativo misto e quello comunale, e la piattaforma tecnologica sviluppata per la gestione delle emergenze. Infine, il 23 maggio verrà illustrato il progetto nelle scuole dei nove paesi nell’ambito di “Comunicare la protezione civile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!