Giornata della memoria. Il pensiero del sindaco Perrone

Anche il sindaco di Lecce Paolo Perrone si associa al ricordo delle tante vittime del terrorismo, onorate oggi, Giornata della Memoria

Un pensiero anche dal sindaco di Lecce in questa triste ma importantissima giornata dedicata al ricordo di Aldo Moro e di tutte le vittime del terrorismo: “Nella triste ricorrenza dell’anniversario dell’uccisione di Aldo Moro – sottolinea il primo cittadino – l’amministrazione comunale, facendosi interprete dei sentimenti dell’intera comunità cittadina, rivolge un deferente pensiero alla memoria di quanti, come lo statista pugliese, sono caduti vittime del terrorismo e di una cieca violenza per difendere le istituzioni, la democrazia, la libertà e quei valori inalienabili che sono alla base della civile convivenza. Ricordo e commemorazione si sovrappongono e si intrecciano in un groviglio che è difficile districare. Commemorare significa evocare e noi non possiamo oggi non evocare la figura di Aldo Moro, una tra le personalità politiche più illuminate e raffinate del secondo Novecento, ma anche quelle di Vittorio Bachelet, di Roberto Ruffilli, di Guido Rossa, di Walter Tobagi, di Ezio Tarantelli, di Massimo D’Antona, di Marco Biagi e di tanti altri vilmente soppressi da chi tentava di sovvertire l’ordine civile, azzittendo le libere e autorevoli voci della politica, della cultura, del lavoro e dell’informazione. Certamente il tempo manterrà vive le loro testimonianze ed il trascorrere delle stagioni non sbiadirà il loro ricordo. La lezione di questi martiri – conclude Paolo Perrone – costituisce anche per noi un tesoro di idee e di esperienze che non disperderemo ma consegneremo intatto alle generazioni che verranno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!