Provincia. Quattro posti per diversamente abili

Il Ministero della Giustizia seleziona quattro unità di operatore giudiziario fra i diversamente abili della provincia di Lecce

Il Ministero della Giustizia ha pubblicato un avviso relativo all’assunzione di 240 diversamente abili, su tutto il territorio nazionale, per la figura professionale di operatore giudiziario e la provincia di Lecce risulta scoperta di quattro unità. Non è previsto l’inoltro della candidatura, ma verranno selezionati i primi quattro nominativi utili inseriti nella graduatoria provinciale vigente. I requisiti richiesti ai candidati ideali sono: possesso del diploma di licenza di scuola media, cittadinanza italiana, requisito delle qualità morali e di condotta irreprensibili, non essere stato escluso dall’elettorato attivo o destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione. I candidati ammessi dovranno sostenere una prova di idoneità consistente in una prova al computer. “Il bando del Ministero della Giustizia con il quale si avvia l’assunzione obbligatoria di personale disabile è un segnale importante e positivo, – afferma Ernesto Toma, assessore alle Politiche del lavoro e alla formazione professionale – anche se non rappresenta una sterzata al quadro occupazionale salentino e, in particolare, rispetto a quello delle categorie protette che, in provincia di Lecce, conta circa 22mila iscritti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!