Tentata estorsione ai danni del pub. Condannato a 3 anni in abbreviato

Il gup del Tribunale di Lecce, Nicola Lariccia, ha condannato a 3 anni di reclusione Luigi Colagiorgio, accusato, in concorso con altre tre persone, di tentata estorsione

E’ stato condannato a tre anni Luigi Colagiorgio, accusato, in concorso con altre tre persone, Cristian Capone, Marco De Tommasi, Gianluca Pepe, di aver tentato di estorcere sotto minaccia denaro ai gestori di un noto pub del centro di Lecce. “10mila euro per i detenuti”: questa la richiesta del quartetto, che avrebbero fatto leva sulla forza intimidatoria dei loro precedenti penali e della notorietà dei loro parenti, vicini agli ambienti della criminalità organizzata della Sacra Corona unita. Per questo Cristian Capone, Marco De Tommasi, Gianluca Pepe e Luigi Colagiorgio sono finiti sotto processo per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Mentre i primi tre saranno processati il 17 giugno prossimo, Luigi Colagiorgio, difeso dagli avvocati Luigi Rella e Luigi Carrozzini, è stato condannato oggi in abbreviato a 3 anni dal gup Nicola Lariccia. La condanna conferma la richiesta del pubblico ministero, la dottoressa Angela Rotondano. Colagiorgio, attualmente ai domiciliari, fu arrestato nel giugno dello scorso anno al termine di un’operazione congiunta condotta dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Lecce e dagli agenti della Squadra Mobile, che arrestarono alcune persone ritenute responsabili delle richieste estorsive ai danni del locale e di una macelleria che sorge nella periferia leccese.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!