Abusi in una scuola materna. Arrestato il bidello

Gli abusi sarebbero stati compiuti nei bagni di una scuola materna di Leverano. Le ipotesi accusatorie sarebbero suffragate dalle intercettazioni ambientali e dalle riprese video

E’ stato arrestato all’alba, con l’accusa di violenza sessuale su minori, B.C.M. 65enne bidello (in sostituzione di una collega assente per malattia) in una scuola materna di Leverano. L’uomo, secondo la ricostruzione dell’accusa, avrebbe compiuto atti sessuali su almeno quattro o cinque bambini, tutti in età prescolastica (tra 3 e 5 anni), della scuola presso cui lavora. A dare avvio alle indagini, condotte dai carabinieri e coordinate dal sostituto procuratore della repubblica di Lecce Stefania Mininni, è stata la denuncia della madre di una piccola vittima, la quale avrebbe raccontato di aver subito attenzioni moleste da parte del bidello. La denuncia, avvenuta a fine marzo scorso, ha messo subito in moto la macchina investigativa. Per evitare ogni possibile contaminazione e ingerenza, sull’indagine è stato mantenuto il più stretto riserbo. Fondamentali, in questo senso, si sono rivelate le intercettazioni ambientali e le riprese video effettuate all’interno della scuola materna. Materiale che proverebbe le violenze compiute dal 65enne, un uomo sposato con quattro figli. Violenze che sarebbero state compiute nel bagno della scuola, dove l’uomo si sarebbe appartato con le piccole vittime con un pretesto. Di qui l’esigenza della custodia cautelare in carcere, eseguita su provvedimento emesso dal gip Antonio Del Coco. Saranno invece raccolte nei prossimi giorni, in fase di incidente probatorio, le testimonianze delle bimbe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!