I genitori di Taurisano chiedono scuole più sicure

Antonio Montonato, segretario della sezione di Taurisano del partito “La città – Progetto per il Salento” denuncia le condizioni in cui versano gli istituti scolastici di Taurisano

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata al Prefetto dalla segreteria di Taurisano del partito “La città – Progetto per il Salento” lo scorso 19 febbraio, in merito alle pessime condizioni in cui versano gli istituti scolastici siti nella cittadina di Taurisano. “Ill.ma Eccellenza, Le scrivo come padre e come segretario del movimento politico “La Città – Progetto per il Salento” per denunciare quanto segue. Come altri genitori, ho una figlia che frequenta la scuola elementare di via Addis Abeba in Taurisano ed insieme ad essi vorrei mettere in evidenza la questione relativa alla manutenzione dell’edificio scolastico. Difatti, lo stesso, così come gli altri presenti nella cittadina, versa in condizioni disastrose: muffe, calcinacci, infiltrazioni d’acqua, crepe sui muri e soffitti scoperti al punto da far intravedere l’intelaiatura in ferro. A titolo di esempio, faccio presente che mercoledì 17 u.s. la partita di pallavolo della locale squadra under 14, che doveva disputarsi presso la palestra della Scuola Media I° Nucleo di via Lecce, è stata rinviata perché la palestra era impraticabile a causa dell’acqua penetrata dagli infissi sulla parte alta della stessa. Siccome l’Amministrazione Comunale è latitante, con la presente denuncia, chiedo un immediato interessamento ed intervento da parte Sua, affinché si risolva in breve tempo questa incresciosa vicenda. Se la situazione si protrarrà ulteriormente, si renderà necessario attivarsi, per ragioni di sicurezza e di salute, per far rimanere a casa i propri figli. Cordiali saluti. Taurisano, 19.febbraio 2010 Antonio Montonato

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!